Pneumatici estivi economici, come vanno veramente?

04/05/2016 - Dal 15 di Aprile è obbligatorio tornare ai pneumatici estivi mettendo in soffitta quelli invernali. Per molti automobilisti le offerte di pneumatici economici, spesso di provenienza cinese, sono molto allettanti, ma come vanno veramente? Sono sicuri ed hanno buone prestazioni come i pneumatici di marca?

I test indipendenti di riviste ed auto mobil club aiutano sono utili ed importanti per effettuare una scelta mirata e consapevole. Il sito specializzato nella vendita di pneumatici online https://www.gomme-auto.it/ da anni raccoglie tutti i nuovi test pubblicati e li mette a disposizione gratuitamente per tutti i consumatori.

L'ultimo test pubblicato riguarda proprio i pneumatici economici a basso prezzo, ed è stato condotto dall'Auto Club Europa (ACE) che ha testato 10 pneumatici estivi di fascia media montati su una Volkswagen Golf.

La decisione di testare degli pneumatici appartenenti alla fascia media deriva dalla constatazione, come afferma l’ACE, che per il 90% degli automobilisti il prezzo è uno dei fattori che svolge un ruolo fondamentale nell’acquisto. Perciò sono stati scelti degli pneumatici il cui prezzo si aggira intorno ai 50 euro in modo da fornire informazioni attendibili a quegli automobilisti che si chiedono se il prezzo sia sempre garanzia di qualità, e se è vero anche il contrario, ossia se un prezzo basso sia sempre sinonimo di qualità scadente.

ACE ha testato dieci pneumatici di dimensione 195/65 R15 con codice di velocità V adatti a vetture compatte, montandoli su una Volkswagen Golf, e ha utilizzato come benchmark le prestazioni dell’N'Blue HD di Nexen e del Kinergy Eco K425 di Hankook.

I pneumatici testati sono Barum Brillantis 2, BFGoodrich g-Grip, Debica Presto, GT Radial Champiro FE1, High Performer HS-3, Pneumant Summer HP4, Sava Intensa HP e Viking CityTech II.

Le performance degli pneumatici si sono dimostrate pressoché simili nelle prove su asciutto, mentre le differenze sono emerse in modo evidente nelle prestazioni su fondo bagnato. In alcuni casi le prestazioni di qualche pneumatico hanno suscitato grande meraviglia per la differenza di affidabilità tra asciutto e bagnato. Ad esempio, il Sava Intensa HP si è piazzato terzo su asciutto e terzultimo su bagnato, con un punteggio complessivo di 128 punti su 190. Il GT Radial Champiro FE1 ha prestazioni davvero insufficienti su bagnato tanto che i risultati delle prove possono essere definiti “allarmanti”. Infatti, frenando a una velocità di 100 km/h su bagnato, il Champiro si ferma dopo 61,7 metri, ossia impiega 15,4 metri in più rispetto al vincitore Nexen; perciò, quando il veicolo su cui sono montati i Nexen è già fermo, quello con i Champiro viaggia ancora a una velocità di 50 km/h. Il Champiro ha ottenuto solo 104 punti su 190, e chiude la classifica con il giudizio “raccomandato con riserva”.

Con 117 punti si piazza penultimo l'High Performer HS-3. Pure in questo caso occorre segnalare i limiti nelle prestazioni su bagnato, che non sono tanto preoccupanti quanto nel Champiro.

Nella classifica finale, in una posizione intermedia si trovano vari pneumatici: Sava Intensa HP con 128 punti, Viking CityTech II con 129 punti. Più in alto, con 130 punti si piazzano il Barum Brillantis 2 e il BFGoodrich g-Grip con prestazioni buone su bagnato, ma con dei limiti sull'asciutto.

Il primo posto è stato conquistato da N'Blue HD di Nexen che ha totalizzato 152 punti su 190, seguito da Kinergy Eco K425 di Hankook e Pneumant Summer HP4, entrambi con 146 punti.

Gli pneumatici Nexen e Hankook hanno ottenuto i migliori risultati, e non sono gli pneumatici più cari, per questa ragione la stessa ACE precisa che il criterio del prezzo non è l'unico elemento da prendere in considerazione per gli pneumatici di questa fascia.

Un altro elemento che purtroppo non fornisce elementi di giudizio per orientarsi nella scelta è l'etichetta europea. Ad esempio, l’N'Blue HD di Nexen, primo classificato, e il GT Radial Champiro FE1, giunto ultimo, hanno entrambi lo stesso rating B nella frenata su bagnato. E quanto attestato nell'etichetta europea non sembra corrispondere alle prestazioni reali dei due pneumatici su fondo bagnato.

Come è possibile constatare nell’elenco seguente, le differenze emerse nelle prestazioni non si riflettono in una differenza di costo.

N'Blue HD Plus di Nexen nella misura 205/55 R16 91H costa 52,00 € (IVA e spedizione incluse)

Kinergy Eco K425 di Hankook nella misura 205/55 R16 91H costa 59,80 € (IVA e spedizione incluse)

Barum Brillantis 2 nella misura 185/65 R15 88T costa 49,00 € (IVA e spedizione incluse)

Debica Presto nella misura 195/65 R15 91H V1 costa 55,80 € (IVA e spedizione incluse)

GT Radial Champiro Eco nella misura 185/65 R15 88H DEMO costa 50,80 € (IVA e spedizione incluse)

Sava Intensa Hp nella misura 205/55 R16 91V costa 59,20 € (IVA e spedizione incluse)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2016 alle 17:42 sul giornale del 04 maggio 2016 - 2136 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, pneumatici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awzb





logoEV