M5S: conversazione con Leonello Zaquini martedì alle Saline

02/05/2016 - “Democrazia diretta e referendum: il modello svizzero fa bene all'Italia?“ al centro Civico delle Saline, martedì 3 maggio, ore 21, conversazione con Leonello Zaquini, autore del libro “La democrazia vista da vicino”.

Condurrà l’intervista Leonardo Badioli. Le domande che in questi giorni, in modo ricorrente, ci poniamo, sono: Perché i referendum sono da noi così complicati? Perché sono solo abrogativi? Perché sono costosi? Perché da un po’ di tempo in qua prevale sempre l’assenteismo? Forse sarebbe meglio togliere il quorum? Perché poi, se il referendum riesce, i risultati vengono comunque disattesi? Vi inoltro per la pubblicazione il comunicato di alcuni attivisti del Movimento 5 Stelle di Senigallia, che hanno curato l’evento, dei quali mi rendo portavoce. 

"Il referendum che si è tenuto il 17 aprile scorso non ci ha lasciato con le ossa rotte, ma ha generato una serie di interrogativi sui quali può essere importante trovare una risposta. Abbiamo escluso di proposito quelle mortificanti: “il popolo italiano ha quello che si merita”. D’accordo, da Berlusconi a Renzi governi e partiti non hanno fatto altro che strozzare o rendere accidentati i percorsi della partecipazione. Ma il pessimismo e la rassegnazione a volte non ci aprono gli occhi, anzi, ce li chiudono. La partecipazione dei cittadini? Ma non era una canzone di Gaber? La cittadinanza attiva? Con quali soldi? La Democrazia diretta? Un’utopia? Capita a proposito (ma il caso non è mai così cieco) se un nostro connazionale emigrato in Svizzera per lavoro, ingegnere, eletto nel Consiglio Comunale della cittadini di Le Locle scopre lì la democrazia diretta come pratica quotidiana. Studia bene ogni cosa, annota tutto e scrive un bel libro intitolato “La democrazia diretta vista da vicino”. Si chiama Leonello Zaquini, sarà qui con noi martedì sera alle ore 21, nella sala del Centro Civico delle Saline e ci racconterà. Da lui avremo indicazioni molto concrete: Com’è fatta la democrazia diretta? A cosa serve? Che risultati ha dato dove viene praticata? Quali sono le ricadute economiche di un simile ordinamento? Quali sono i suoi limiti? Come si raccorda con la democrazia rappresentativa? Può costituire un modello utile per l’Italia? L’effetto è certamente quello di aprire gli occhi e di scoprire che qualcosa è possibile se qualcuno la fa"

Il Movimento 5 Stelle di Senigallia, nell’organizzare l’evento, dà corpo ed espressione a uno dei suoi principi fondativi, quello della partecipazione diretta della cittadinanza: un evento importante in questo passaggio verso modifiche istituzionali particolarmente accentuative e autoritarie. L’invito a partecipare è rivolto a tutti, proprio in quanto la Democrazia Diretta ed i suoi strumenti, Referendum in particolare, riguardano tutti. Non solo il numero, ma la diversità dei partecipanti darà qualità a questo incontro.


da Stefania Martinangeli
consigliere comunale M5S






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-05-2016 alle 11:36 sul giornale del 03 maggio 2016 - 624 letture

In questo articolo si parla di politica, Stefania Martinangeli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awsU