Taroccava i codici a barre dei prodotti alimentari all'Ipercoop, arrestano rumeno

29/04/2016 - I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Senigallia hanno arrestato un rumeno di 47anni per furto aggravato.

La pattuglia, a seguito di segnalazione sul 112, è intervenuta presso il Centro Commerciale Il Maestrale sulla strada statale Adriatica Nord, dove il personale addetto alle differenze inventariali aveva fermato un uomo dopo che si era impossessato di generi alimentari senza effettuare il pagamento. I militari, attraverso la visione delle telecamere di sorveglianza, hanno accertato che il 47enne dagli espositori del settore macelleria aveva prelevato alcuni tipi di carne preconfezionati.

Poi si era recato al banco verdura e li aveva pesati prezzandoli come se fosse insalata. Quindi aveva prelevato i relativi scontrini e si era diretto alle casse automatiche dove aveva passato sotto il lettore ottico il codice a barre dello scontrino verdura poggiando sulla bilancia di controllo la carne. Quindi pagando solo alcuni euro era uscito dal supermercato con la carne. La scena però non è passata inosservata agli addetti alle differenze inventariali che hanno subito fermato l’uomo e contestualmente hanno avvisato il 112 dei Carabinieri.

I militari giunti sul posto hanno recuperato la refurtiva e sequestrato gli scontrini fasulli che l’uomo aveva utilizzato e gettato a terra nei pressi della cassa automatica. Il 47enne rumeno, noto alle forze dell'ordine per reati analoghi, è stato arrestato per furto aggravato dall’uso di un espediente fraudolento ed in attesa della convalida è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Venerdì mattina il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto. Il processo è stato fissato al prossimo mese di ottobre.





Questo è un articolo pubblicato il 29-04-2016 alle 18:45 sul giornale del 30 aprile 2016 - 2846 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, arresto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awpk


Trucco che non avevo mai sentito prima. Forse sono ingenuo io




logoEV