Mutui casa: la situazione italiana dal 2016

22/04/2016 - La crisi economica ha portato le famiglie italiane a raschiare il cosiddetto fondo del barile. Dopo tanti mesi passati a soccombere alle contingenze negative dei mercati mondiali, e ad un risparmio necessario per poter sbarcare il lunario e per affrontare le spese di tutti i giorni, anche gli italiani stanno cominciando a scuotersi di dosso tutte le privazioni, le ansie e le difficoltà affrontate in questo periodo storico così disastroso.

Da questo punto di vista, i cittadini del nostro Paese si sono fatti trovare più che pronti, e disposti ad aprire un po' di più il portafogli, anche se con la sempre doverosa cautela. Un discorso che è valso anche per le spese più ingenti, come ad esempio l'acquisto di una casa: sia per merito del parziale attenuarsi della crisi, sia per merito di un mercato immobiliare che non ha ancora alzato i prezzi delle case. Due elementi che hanno permesso agli italiani di partire per l'acquisto di una casa. Senza poi considerare le maggiori possibilità d'accesso ai finanziamenti proposti dalle banche, adesso più elastiche soprattutto per quanto riguarda le garanzie richieste ai clienti.

I dati relativi alla richieste di mutui finalizzati per la casa
Innanzitutto occorre sottolineare che il deciso aumento delle richieste di mutui finalizzati all'acquisto di una casa, non sarebbe mai stato possibile senza una solida base alle spalle. Da questo punto di vista, il 2015 ha permesso a tantissimi italiani di accedere ad un mutuo, spingendo anche gli altri a fidarsi delle nuove contingenze del mercato immobiliare, e a seguire la stessa strada di chi aveva già proceduto all'acquisto della propria casa usufruendo di un finanziamento. Per averne una prova, basta snocciolare qualche numero: nel 2015 le richieste di mutui sono aumentate addirittura del 110% rispetto all'anno precedente, generando un totale di finanziamenti di oltre 10 milioni di euro, con un aumento percentuale del 68%. Il primo trimestre del 2016 non ha fatto altro che confermare questo trend, con un ulteriore aumento del 31% rispetto al 2015. Ma di chi è il merito?

Un boom dovuto al successo delle banche online
L'incremento delle richieste dei mutui finalizzati all'acquisto di una casa è stato innanzitutto merito del successo riscosso dalle banche online, decisamente più agili e comode rispetto alle controparti fisiche. Grazie al web, infatti, non è stato solo possibile passare alla gestione digitale del proprio conto corrente e di tutte le operazioni finanziarie legate ad esso, tramite le piattaforme di home banking, ma anche di ottenere un rapido calcolo. Nella specifica pagina di Hellobank ad esempio, è possibile calcolare velocemente la rata del mutuo prima della sottoscrizione e senza recarsi in filiale, in modo da avere maggiore chiarezza sulle condizioni e sui tassi di interesse già da subito.

I dati rilevati dal Crif in merito all'aumento delle richieste dei mutui
A confermare quanto detto finora, la ricerca condotta dal Barometro Crif, secondo il quale la situazione relativa alla domanda dei mutui per l'acquisto della casa è aumentata così tanto da avvicinarsi al picco raggiunto nel periodo antecedente la crisi economica: una notizia che ha del clamoroso, considerando soprattutto i dati relativi al primo trimestre del 2016, che sono stati ottimi a dir poco. Nello specifico, i primi tre mesi del nuovo anno hanno portato ad un +31% per quanto riguarda la richiesta dei mutui, con il mese di marzo assoluto protagonista con un aumento del 17% rispetto a febbraio. Se è vostra intenzione acquistare una casa, questo è il momento migliore per farlo richiedendo un mutuo finalizzato, anche per via del crollo dei prezzi degli immobili che, nonostante il mercato si stia oramai risollevando, rimangono insolitamente bassi in questo periodo: conviene, dunque, approfittarne.





Questo è un articolo pubblicato il 22-04-2016 alle 16:06 sul giornale del 22 aprile 2016 - 381 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awbb





logoEV