Amianto, Ala: 'Situazione da verificare in via Spontini'

16/04/2016 - Per l’ennesima volta, l’ALA è costretta a segnalare un nuovo possibile grave rischio per la salute dei cittadini, come si evidenzia dalle fotografie.

A riguardo, chiede chiarezza su quanto sta accadendo in via Spontini a Senigallia nell’ambito dei lavori relativi all’allestimento di una nuova tubazione dell’acqua potabile. Nella zona, sono stati affidati lavori – come si legge nell’ordinanza n. 124 del 12 marzo 2016 del Comune di Senigallia - per “modifiche temporanee alla circolazione per allestimento di un cantiere stradale”.

Accade però – come verificatosi alcuni mesi fa in via Rovereto – che la vecchia conduttura dell’acqua potabile in cemento amianto è rimasta interrata. Le disposizioni per la sicurezza stabiliscono che tale lavoro debba essere eseguito dietro certificazione di un controllo dello stato di conservazione dei tubi di cemento amianto. In effetti, se questi rimangono interrati, possono invece logorarsi ed inquinare le falde acquifere.

L’associazione ALA chiede pertanto di essere messa a conoscenza del fatto se tale operazione di controllo sia stata eseguita.In caso contrario, saremmo di fronte ad un rischio gravissimo per la salute dei cittadini. E sarebbe invece consigliabile – come dicono le disposizioni di legge sull’amianto – che tali materiali venissero incellofanati e portati in discarica speciale subito, anziché essere lasciati a cielo aperto. Inoltre, dalle fotografie allegate, nel cantiere sono giacenti dei tubi sia in PVC, sia con rivestimento in amianto. In particolare, emerge evidentemente un pezzettino di amianto da un tubo.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2016 alle 12:00 sul giornale del 19 aprile 2016 - 583 letture

In questo articolo si parla di a.l.a., politica, carlo montanari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avXi





logoEV