Referendum del 17 aprile, la Città Futura invita a votare SI

13/04/2016 - Il 17 aprile 2016 si svolgerà il referendum per decidere se, alla scadenza delle concessioni, si dovranno sospendere o no le trivellazioni per estrarre gli idrocarburi nei tratti di mare compresi entro 12 miglia dalla costa (22,2 chilometri).

Per noi di Senigallia e dintorni che viviamo sul mare Adriatico e che tutti,  più o meno direttamente, al mare siamo legati, c’è un motivo semplice, ma decisivo, per votare SI il 17 aprile: il gioco non vale la candela.

Le piattaforme interessate dal referendum hanno coperto, nel 2015, solo lo 0,9% e il 2,8% del consumo nazionale rispettivamente di petrolio e gas naturale. Poco gas e pochissimo petrolio che una volta estratti non sono più “nostri”, sono di chi li estrae, a noi, come Stato italiano, restano pochi spiccioli: il gettito fiscale complessivo che in Italia generano le attività interessate dall’estrazione di idrocarburi è pari a 200-300 milioni di euro annui. L’entità delle royalties che ricaviamo dalle estrazioni entro le 12 miglia è molto, ma molto minore.

Qualcuno riesce a quantificare il danno al nostro turismo che provocherà la visione delle immagini diffuse dalla Tv della piattaforma che scarica acqua inquinata in mare 13 miglia al largo di Fano? E non certo per colpa degli autori del documentario, sia chiaro. (http://goo.gl/M4MNgC)


Perché non è vero che le trivelle sono innocue, Greenpeace, in particolare, ha recentemente illustrato i danni causati dalle trivellazioni marine, riportando i dati di un monitoraggio effettuato dall’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) per conto dell’Eni, dai quali si evince che i campioni di acqua prelevati vicino alle piattaforme presentano alte concentrazioni di idrocarburi e di metalli pesanti cancerogeni, come cromo, nichel e piombo, ma anche di arsenico, cadmio e mercurio.

E se succedesse un incidente, anche piccolo, a una trivella in Adriatico? Di quante migliaia di milioni di euro sarebbero i danni per l’ambiente, per la nostra pesca e per il nostro turismo? Chi è in grado di fare questo calcolo? Si, perché gli incidenti alle trivelle possono succedere, sono successi. (http://goo.gl/hcoeUo)

Ma se i nostri vicini stanno dando nuove concessioni per estrazioni in mare a che serve bloccarle qui da noi? Il governo croato e il governo francese hanno annunciato una moratoria contro le nuove trivellazioni, inoltre Parigi chiederà che il bando alle perforazioni sia esteso a tutto il Mediterraneo, in considerazioni degli alti rischi ambientali. (http://goo.gl/C0juF9)

Il petrolio e il gas serviranno ancora per molti anni, lo sappiamo.

Ma è bene chiarire che la vittoria del SI non comporterà la chiusura immediata degli impianti di estrazione che si trovano entro le 12 miglia marine: essi, infatti, verranno dismessi gradualmente, alla scadenza delle loro attuali concessioni, le quali termineranno tra il 2016 e il 2034. Ciò permette di immaginare agevolmente la possibilità di ricollocare quelle poche migliaia di lavoratori occupati nelle attività estrattive attraverso una adeguata politica di valorizzazione delle grandi risorse di energia rinnovabile di cui il nostro paese dispone (e che già occupano un totale di 82.500 addetti).

Il futuro energetico dell’Italia non dipende certo dalle piattaforme entro le 12 miglia dalle coste, il 73% sono già da rottamare. Sono non operative, non eroganti o erogano così poco da non versare neppure un centesimo di royalties nelle casse pubbliche. Sono vecchie e spilorce.

Dai dati presenti sul sito del Ministero per lo Sviluppo Economico relativi alla produzione delle piattaforme oggetto del referendum del prossimo 17 aprile si apprende che in 3 casi su 4 si tratta di impianti il cui ciclo industriale è chiaramente esaurito, perché non producono o lo fanno in quantità insignificanti. Delle 88 piattaforme operanti entro le 12 miglia, ben 35 non sono di fatto in funzione: 6 risultano “non operative”, 28 sono classificate come “non eroganti”, mentre un’altra risulta essere di supporto a piattaforme “non eroganti”. Dunque, il 40% di queste piattaforme resta in mezzo al mare solo per fare ruggine.

Ci sono poi altre 29 piattaforme che sono considerate “eroganti” ma che in realtà da anni producono così poco da rimanere costantemente sotto la franchigia, cioè sotto la soglia di produzione (pari a 50 mila tonnellate per il petrolio, 80 milioni di metri cubi standard per il gas) che esenta i petrolieri dal pagamento delle royalties. In altre parole, quasi un terzo delle piattaforme entro le 12 miglia produce al di sotto dei limiti della franchigia (in alcuni casi da oltre 10 anni) e quindi non versa neanche un centesimo di royalties alle casse pubbliche.

Solo 24 piattaforme operano abitualmente estraendo idrocarburi al di sopra della franchigia: rappresentano appena il 27 per cento delle piattaforme entro le 12 miglia.

Il petrolio e il gas serviranno ancora per molti anni, è vero.

Eppure qualcosa sta cambiando e molto velocemente, anzi, a ben guardare, è già cambiato. Le energie rinnovabili stanno avanzando prepotentemente in tutto il mondo, banche, assicurazioni e fondi d’investimento si stanno disimpegnando dalle società che sfruttano il petrolio e i padroni storici dell'oro nero, i reali dell’Arabia Saudita, hanno fatto sapere che pensano di quotare in borsa la loro Aramco, che è titolare delle maggiori riserve petrolifere del pianeta con una produzione record di oltre 10 milioni di barili al giorno. Il ministro del Petrolio di Riad, si, il ministro del petrolio, dice che vorrebbero investire nel sole del deserto e nel fotovoltaico.

Già dal 2013 è avvenuto il “sorpasso” delle rinnovabili sulle fonti fossili, ogni anno la nuova potenza installata nel mondo è in prevalenza alternativa, nel 2013, l’anno della svolta, sono stati installati 143 gigawatt di fonti pulite contro 141 gigawatt di fonti fossili e, secondo le previsioni di “Bloomberg New Energy Finance”, nel 2030 le nuove installazioni di potenza pulita supereranno di quattro volte quelle di gas, carbone e petrolio assieme.

Poi c’è il rapporto di Greenpeace, "Revolution 2015-100% renewable energy" (http://goo.gl/gJ6Qu1), ebbene, un pianeta 100% rinnovabile entro il 2050 non solo è possibile, è anche conveniente. L'investimento necessario per raggiungere l’obiettivo di soddisfare interamente il fabbisogno energetico entro il 2050 con fonti rinnovabili sarebbe più che ripagato dai risparmi derivanti dall'abbandono dei combustibili fossili.

Il nostro Paese che dovrà, assieme all’Europa, ridurre le proprie emissioni almeno del 60-70% entro il 2050 non può e non deve temere un impegno così contenuto.

Questo referendum, dalla gittata apparentemente minima, ha invece un potere dirompente, perché la vittoria del SI può mostrare che la strada verso la democrazia energetica, verso una promozione sostenibile dei talenti sani dei nostri territori (paesaggio, cultura, turismo, pesca e agricoltura sostenibili, eccellenze agro-alimentari) è segnata e che non si torna più indietro.

Un SI fermo e collettivo può essere il sasso che Davide scaglia contro Golia.

 







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2016 alle 18:31 sul giornale del 14 aprile 2016 - 1074 letture

In questo articolo si parla di politica, La Città Futura e piace a 55727223

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avQN


Commento modificato il 14 aprile 2016

Va detto, come espresso dallo stesso Ministro su Report, che se vincesse il SI si rientra nella vecchia normativa e quindi terminata la concessione ci sono le proroghe e di fatto si arriva allo stesso traguardo solo che con il SI aumenta la circolazione delle carte e dei relativi costi, con il NO si va diritti al traguardo. Questa propaganda che fate è solo per farvi belli verso i cittadini ed ottenere consensi perchè purtroppo ancora oggi si guarda alla poltrona e non alla realtà dei fatti visti in maniera logica ed obiettiva.
In merito poi al servizio sul probabile inquinamento la cosa mi fa alquanto ridere in quanto, penso che tutti abbiate visto, nel ravennnate addirittura nei piloni ci fanno la coltivazione delle cozze e come ben sapete, uomini di mare, queste sono il FILTRO del mare. Le cozze prima di andare sul mercato vengono controllate e quindi se il FILTRO E' PULITO non pensate che addirittura il mare lo sia altrettanto ?
Inoltre quello che ci hanno fatto vedere non mi sembra uno scarico ma semplicemente un sistema vaso venturi perchè l'acqua entrava ed usciva come se servisse appunto a tenere sotto controllo un livello; chiaramente nel tempo il tubo si sporca di incrostazioni e dato che, per effetto di maggiore velocità dell'acqua all'interno del tubo, questa asporti i sedimenti al suo interno. Provate semmai a stare dietro ad una nave per verificare quello che buttano; le piattaforme sono ferme e possono essere controllate a sorpresa e non penso che il prorpietario sia talmente stupido a fregarsi mentre è impossibile controllare le navi in transito ed è da lì che parte il maggior inquinamento del mare ed incontrollabile. Infatti, anche se estrae poco, meglio una piattaforma che una nave in più che transita nel nostro mare appunto per la ragione appena detta.

Poi prendo questa vostra frase per far capire al lettore quanto siete "furbi" e non coerenti su quanto esprimete: "una volta estratti non sono più “nostri”, sono di chi li estrae".
Voi e tutte le altre forze politiche che sostengono ed hanno sostenuto le Amministrazioni di Senigallia avete fatto tutt'altro con i rifiuti in occasione dell'avvio della differenziata. La differenziata è di proprietà del cittadino (carta, plastica, vetro, metalli ed organico) nel senso che è un VALORE e paga per averlo quando acquista il bene e voi cosa avete fatto ? avete dato in mano ad una azienda tutto questo valore e tra l'altro anche senza controllo, nel senso che, più il cittadino differenzia e più la ditta guadagna in quanto i prezzi del servizio raccolta sono stati stabiliti nella gara di appalto. L'organico, argomento fresco fresco, avete fatto la stesa cosa; prima Mangialardi ha inaugurato un impianto (9 milioni di euro) destinato al fallimento dove dall'organico non si recuperava un bel nulla non voluto neanche dagli agricoltori ed oggi ci troviamo che anche quel valore vada ad un altra azienda proprio perchè non siete stati in grado di gestire nanche questo.Infatti dal vostro ultimo Consiglio Comunale è venuto fuori che se l'area è in sicurezza la ditta può costruire ma mai dal 2010 (anno di avvio lavori della ditta di Casine) nessuno ha detto che non può prendere il nostro organico e ci DOBBIAMO organizzare noi che tra l'altro è previsto dalla legge sulla differenziata.
Quindi di cosa volete parlare se voi stessi non avete dimostrato quello che sostenete e soprattutto che non avete fatto in modo di fare a meno del petrolio in quanto i camion della RIECO, che si muovo tutti i santi giorni e casa per casa, vanno a gasolio...ve lo ricordo.
Poi va detto al cittadino, in merito alla rinnovabile dove, premetto ,sono pienamente d'accordo sul suo continuo sviluppo ci mancherebbe altro, che le percentuali che esponete di energia proveniente dal rinnovabile (40%) è relativa SOLO alle forniture elettriche e proviene da diversi anni di forte INCENTIVAZIONE e cioè che ti pago l'energia tre volte di quanto viene venduta sul mercato causando al cittadino un costo in bolletta e tasse. Non viene però calcolata altri tipi di energia come la trazione, il riscladamento e se mettessimo sul piatto il tutto quella rinnovabile scenderebbe, aggiungo purtroppo, ben al di sotto del 10 %.
Quindi siamo tutti d'accordo sulla riduzione delle emissioni ma sicuramente VOI e compagni non lo avete MAI messo in atto e non è togliere i parcheggi che risolvete anzi, lo peggiorate.
Quello che invece, in merito alle piattaforme va regolamentato e che neanche voi lo avete sottolineato ma solo documentato, è che quelle ferme vanno rimosse ed è lì che bisogna appunto dare dei termini altrimenti PAGHI. Quando in un Comune si da la possibilità di realizzare un impianto fotovoltaico su terra, l'azienda paga il diritto a costruire, paga le tasse su quanto produce e DEVE concedere una fideussione bancaria al Comune nel caso l'azienda fallisca per la rimozione dei pannelli a fine vita (circa 20 anni max ) per il ripristino dell'area prima dell'insediamento......molto semplice. Quindi perchè questo non viene attuato ? Perchè le piattaforme sono ancora lì a marcire ?
Quindi signori il problema è questo perchè ormai le piattaforme ci sono e delle nuove non ci saranno e siamo d'accordo ma quando termina il giacimento ...FUORI liberando il mare perchè chiunque di noi di certo non lo vuole inquinato con catapecchie messe lì.

Spero di essere stato chiaro e che vi faccia riflettere perchè il problema appunto è tutt'altro.

A disposizione

paolofiore




logoEV