Calcio: Coppa Marche, pareggio all'andata della semifinale per il Ciarnin

07/04/2016 - Finisce con il segno X la gara d'andata della semifinale regionale di Coppa Marche tra i senigalliesi dell'ASD Ciarnin e i fanesi del Montalto di Cuccurano.

 La giovane compagine guidata da Maurizi è riuscita a sorpresa a bloccare la corazzata che ha dominato il girone A di Serie D, conquistando la promozione in C2 con diverse giornate d'anticipo. Nonostante le tante e pesanti assenze, da Bolognesi a capitan Pettinelli passando per Paone e Bellagamba, i gialloblù hanno spaventato i più esperti padroni di casa, vedendo sfumare la vittoria solo nei minuti finali. La gara si mette subito bene per gli ospiti, che dopo una manciata di minuti passano grazie a una bella giocata sull'asse Pesaresi - Romanucci, finalizzata ottimamente dal pivot gialloblù. Il Cuccurano prova a reagire ma subisce a sorpresa il raddoppio del Ciarnin; protagonista è ancora Romanucci, autore di un'ottima gara, che si coordina sul bel lob di Mattia Lucertini e scaraventa in rete un destro al volo di rara potenza e precisione, un tiro dall'elevatissimo quoziente di difficoltà vista la posizione molto defilata del laterale classe '96.

Il match assume connotati ancora più favorevoli ai senigalliesi quando Fabbrocile, perno difensivo e faro del gioco del Cuccurano, viene espulso dal direttore di gara in seguito a reiterate espressioni ingiuriose nei suoi confronti. I gialloblù però non riescono a sfruttare l'uomo in più andando in rete, e una volta ristabilita la parità numerica il Cuccurano torna a farsi vedere dalle parti del portiere Bartolucci. I padroni di casa alzano il ritmo e riescono a riportare il risultato in parità prima del riposo: prima va a segno il cannoniere Boiani su calcio di rigore, assegnato per fallo di mano di Mattia Lucertini (poi ammonito), quindi il capitano Bruscia viene lasciato libero in occasione di un corner e realizza il 2-2 che segna la fine del primo tempo.

Nella ripresa il Ciarnin sembra dover capitolare, soprattutto in seguito alla seconda ammonizione all'indirizzo di Mattia Lucertini, autore di un fallo di ostruzione su Farabini che poteva anche non essere sanzionato col giallo. I ragazzi di Maurizi resistono grazie al grande spirito di sacrificio dei giovanissimi Romanucci, Latini e Galli, difensivamente impeccabili nonostante l'inferiorità numerica, e alle prodezze di Bartolucci, assolutamente decisivo in almeno tre occasioni sulle conclusioni ravvicinate di Boiani e Clerici. A regalare il nuovo vantaggio agli ospiti è una vera e propria magia del più giovane in campo, Nicola Latini, classe '97, che su preciso rilancio di Bartolucci s'inventa una semirovesciata da figurine Panini e trafigge l'estremo difensore spedendo la palla nell'angolino basso.

Il Ciarnin continua stoicamente a difendersi e ripartire, ma la stanchezza si fa sentire ed è ancora il "Boia", a pochi minuti dal termine dell'incontro, a trovare la rete del definitivo 3-3, con una conclusione angolata sulla quale Bartolucci non può nulla. La semifinale d'andata termina così con un risultato inaspettato, se si considera che il Cuccurano in stagione ha collezionato 11 vittorie e un pareggio tra le mura amiche, ma assolutamente giusto per quanto si è visto in campo ieri sera. Grande prova d'orgoglio, carattere e qualità da parte Ciarnin, che ha saputo tener testa a una delle grandi potenze del futsal dilettantistico marchigiano; la gara di ritorno è in programma per martedì prossimo al Seminario, servirà un'altra grande impresa per conquistare la prima finale regionale della giovanissima storia dei gialloblù.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-04-2016 alle 14:57 sul giornale del 08 aprile 2016 - 1001 letture

In questo articolo si parla di sport, senigallia, calcio a 5, ciarnin di senigallia, A.S.D. Ciarnin

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avCV





logoEV