Ego e G Hotel: uno sguardo sul futuro del turismo alberghiero nelle Marche

04/04/2016 - Nel 2009 due giovani senigalliesi, Gabriele e Letizia Piantini rispettivamente di 29 e 26 anni, hanno aperto un hotel ad Osimo. Oggi guidano una catena alberghiera con gli indici di gradimento online più alti della regione. Imminente l'apertura di una struttura alberghiera anche a Senigallia.

"Nel 2009 avevo 29 anni, facevo il consulente aziendale - racconta Gabriele Piantini - mia sorella che allora lavorava in banca mi propose di prendere in gestione un hotel ad Osimo. È stato l'inizio di una avventura incredibile. L'albergo è stato costriuto come un investimento immobiliare della società dei nostri genitori. Uno studio mostrava come ci fosse un'esigenza in tal senso nella zona industriale di Ancona. Doveva essere dato in affito a terzi. E così è stato, perché mia sorella ed io abbiamo fondato una nuova società e paghiamo tutt'ora l'affitto alla società immobiliare".

Il successo del G Hotel di Osimo è immediato così Letizia e Gabriele aprono nel 2014 l'Ego Hotel ad Ancona. L'anno prossimo sarà la volta del G Hotel di Pescara. E nei programmi futuri rientra anchela riapertura dell''Hotel La Vela di Senigallia che diventerà un "family hotel". Prima però sarà necessario valutare come evolverà la situazione dell'ex Sacelit. Ma il sogno nel cassetto di Gabriele e Letizia rimane l'Hotel Marche.

Tutto inizia dalla ricerca delle esigenze dei clienti. Nel 2009 c'era necessità di una struttra vicina alla zona industriale di Ancona che offrisse soggiorni business di livello. Nel 2014 l'apertura dell'EGO Hotel a Torrette di Ancona risponde alle esigenze di quei clienti che hanno bisogno anche di un ristorante, una sala meeting per 200 persone e da una spa di 240mq.

Il G Hotel e l'Ego Hotel sono due hotel da 4 stelle in cui non ci sono clienti ma solo ospiti. Lo dimostrano i giudizi che gli ospiti stessi lasciano sui social network. Su Tripadvisor le due strutture sono prime su entrambe le piazze. Su Booking.com hanno una media di 9,2 su 10 e su Trivago sono al quarto e al settimo posto nelle Marche.

"Il vero valore aggiunto delle due strutture alberghiere è il personale - spiega Piantini - l'80% dei collaboratori con cui siamo partiti nel 2009 sono ancora con noi. Puntiamo molto sulla formazione e sulla crescita e valorizzazione del personale interno. In questa attività siamo assisititi e supportati dalla Pierluca & Associati con la quale abbiamo studiato un sistema motivazionale per gratificare anche economicamente i dipendenti che raggiungono gli obiettivi stabiliti".

"I nostri ospiti vengono sempre accolti con il sorriso - continua Gabriele Piantini - e con un cocktail di benvenuto al chek-in. Offriamo loro un'esperienza personalizzata perché il nostro personale sa se un cliente abituale preferisce un cuscino alto in lattice o basso ma con le piume, o se ha qualsiasi altro tipo di preferenza. Grazie ad un progetto di digitalizzazione realizzato con i contributi pubblici del tax credit e della Regione Marche, ottenuti mediante la Pierluca & Associati, questo tipo di esperienza è possibile anche per quei clienti che hanno espresso le loro preferenze presso una qualsiasi delle nostre strutture e si trovano a pernottare in un'altra delle nostre strutture.
La continuità del personale è importante per i nostri ospiti, così che possano sentirsi come a casa. Anche meglio
".


Con la rubrica "Fare la differenza" (viveresenigallia.it/rubriche/fare-la-differenza) la redazione intende accompagnare il lettore in un viaggio tra le aziende vincenti della nostra comunità locale.
La città talvolta le ignora quando dovrebbero essere motivo di orgoglio per la stessa.
Ulteriore scopo, a cui teniamo fortemente, è creare per le aziende del territorio stimoli ed energie a fare sempre meglio, perché INSIEME SI PUÒ!





Questo è un articolo pubblicato il 04-04-2016 alle 23:59 sul giornale del 06 aprile 2016 - 3938 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, articolo, Pierluca & Associati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aviG

Leggi gli altri articoli della rubrica Fare la differenza