"Lo sguardo delle donne", la rassegna si conclude con il monodramma Incubi e amore

31/03/2016 - Sabato 2 aprile prestigioso finale per le tredici iniziative dal titolo "Lo sguardo delle donne" organizzate dal Comune di Senigallia per celebrare il mese in rosa.

L’Auditorium San Rocco ospiterà infatti alle 21 l’ultimo evento in programma, il monodramma Incubi e amore del compositore senigalliese Daniele Gasparini su libretto dello scrittore milanese Raul Montanari, organizzato con la collaborazione delle associazioni "Curcubeu" e "Amarantos".

La breve opera, teatro musicale con un solo personaggio in scena, ha ricevuto il Premio Monodramma 2013 assegnato dall’Accademia per l’Opera Italiana di Verona in collaborazione con le Edizioni Suvini Zerboni e il NED Ensemble. Oltre ad Incubi e amore verrà eseguito un altro brano di Gasparini, il quintetto Quando il vento sognava ispirato a testi del poeta spagnolo Rafael Alberti tratti dalla raccolta intitolata Sugli angeli. Anche questo brano ha ottenuto un prestigioso premio nel 2009, il Premio Pablo Casals, uno dei più importanti riconoscimenti internazionali per la musica da camera contemporanea.

La presentazione della serata, cui parteciperà Ilaria Ramazzotti, assessore del comune di Senigallia alle Pari opportunità, sarà affidata a Mauro Pierfederici, mentre la direzione del concerto sarà curata da Mirco Barani, direttore dell’Orchestra Fiati di Ancona e fresco vincitore dell’Oscar delle eccellenze marchigiane per il settore musica e spettacolo. Il Maestro si avvarrà della collaborazione del Sineforma Ensemble, un ensemble strumentale che riunisce musicisti provenienti da diverse regioni con la partecipazione di due solisti di eccezione: la soprano Patrizia Biccirè e l’attore Giovanni Moschella.

“Abbiamo scelto – hanno ricordato i rappresentanti delle associazioni "Amarantos" e "Curcubeu" - di presentare il monodramma di Gasparini sia per proporre l’ascolto di un lavoro contemporaneo, in un tempo in cui il repertorio delle sale da concerto è sempre più rivolto al passato e lontano dall’attualità, sia per l’aderenza con le tematiche proposte dalle manifestazioni per il mese della donna. Il soggetto e il libretto sono infatti tratti dall’atto unico Incubi e amore di Raul Montanari che rappresenta una scena di tortura - più psicologica che fisica - in cui la protagonista, soggiogata ed allo stesso tempo del tutto dipendente dal suo spietato aguzzino, è imprigionata e costretta a raccontare i propri incubi per procurare piacere al suo persecutore, incapace di sognare, attraverso un continuo accumulo di tensione visionaria e drammatica che culmina in una terribile rivelazione finale”.

Durante il concerto, all’interno dell’Auditorium, saranno esposte le opere fotografiche della serie "Volti di Donne" di Cristina Franceschini.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2016 alle 13:06 sul giornale del 01 aprile 2016 - 564 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia, incubi e amore, lo sguardo delle donne

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/avmW





logoEV