Vivere a 4 zampe: "Sei uguale a me?", il nostro mondo e quello dei nostri amici cani

23/03/2016 - Quando parliamo di sterilizzazione, di bisogni e necessità parliamo di argomenti relativi ad una specie diversa da noi.

Quello che spesso accade è voler attribuire al cane uno status dello stesso livello umano, come fosse una proiezione su di lui dei nostri bisogni, ma quello che apparentemente potrebbe sembrare un gesto di grande empatia si trasforma purtroppo in un un meccanismo che priva il cane della sua naturale espressione.

È così che, per un eccesso di zelo, invece di fare qualcosa di buono, in pratica forse stiamo sbagliando. Perchè? Semplicemente perché apparteniamo a specie diverse e di conseguenza quello che proviamo ad interpretare pensando di averne le capacità si rivela un errore, un modo approssimativo di approcciare al cane. Proviamo a fare degli esempi pratici, ad esempio quando prendiamo in braccio il cane come fosse un bambino per proteggerlo da un eventuale pericolo, ma siamo sicuri che il cane si senta più protetto a un metro da terra stritolato fra le nostre braccia? O messo in una borsetta? Prenderlo in braccio vuol dire allontanarlo dal contatto con la terra limitando la sua libertà di percezione.

Un altro esempio può essere quando abbiamo freddo e pensiamo ne abbia anche lui anche quando non è così. Non che i cani non abbiano freddo ma spesso nella non abbiamo la stessa percezione (vedi articolo sul freddo). Anche l’umore influisce o il nostro carattere, quando pensiamo che non voglia socializzare perché magari non va a noi, invece potremmo scoprire insieme di cosa si tratta. Non possiamo sostituirci ai suoi simili e se lo priviamo di interagire con loro gli stiamo facendo un torto grandissimo.

Quando pensiamo che la vita sessuale del cane, sia come la nostra (vedi articolo sulla sterilizzazione), quando eccediamo in cure igieniche arrivando addirittura a spruzzare profumi sui nostri poveri cani, quando vogliamo sostituirci alla madre nei primi mesi di vita. Ma amici, niente paura! Sono errori che abbiamo commesso tutti! Siamo perciò specie DIVERSE e ci auguriamo di avervi dato dei buoni spunti di riflessione!







Questo è un articolo pubblicato il 23-03-2016 alle 08:36 sul giornale del 24 marzo 2016 - 725 letture

In questo articolo si parla di animali, attualità, associazione, cani, culturale, educazione, bisogni, articolo, necessità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/au07





logoEV