Scomparsa di mons. Odo Fusi Pecci: mercoledì i funerali

odo fudi pecci 21/03/2016 - Il Vescovo di Senigallia Franco Manenti, in comunione di sentimenti con il vescovo emerito Giuseppe Orlandoni, invita le comunità parrocchiali, le Comunità di vita consacrata e i singoli fedeli della Diocesi alla preghiera in suffragio del vescovo emerito Odo Fusi Pecci, deceduto domenica 20 marzo 2016.

La salma del vescovo Odo è stata trasferita presso la Basilica Cattedrale, nella cappella della Madonna della Speranza dove i fedeli, dalle ore 8.00 alle ore 20.00, potranno rendere omaggio al vescovo Odo, pastore particolarmente caro e ricordato con affetto per la sua sensibilità ed il suo legame profondo con Senigallia e diocesi. Nelle parrocchie si stanno organizzando celebrazioni e momenti di preghiera comunitaria ed in particolare martedì 22 marzo, alle ore 21.00, la cattedrale ospiterà una veglia di preghiera diocesana, presieduta dal vescovo Franco.

Mercoledì 23 marzo alle ore 9.00, in Duomo, la celebrazione delle Lodi e alle 10.00 i funerali. Mons. Odo Fusi – Pecci era nato a Cingoli, attualmente Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia, il 29 giugno 1920 ed è stato ordinato sacerdote il 19 dicembre 1942. Laureato in Teologia Dogmatica e in Lettere, ha ricoperto l’incarico di Rettore del Seminario di Macerata, di docente al Seminario Regionale, Preside dell’Istituto Teologico Marchigiano e dell’Istituto Superiore Regionale di Scienze Religiose. Nella diocesi di origine è stato assistente ecclesiastico diocesano dei giovani di Azione Cattolica, degli universitari e dei laureati cattolici. Il 15 luglio 1971 è stato eletto vescovo di Senigallia ricevendo poi la consacrazione episcopale il 29 agosto 1971 per le mani del Vescovo Ersilio Tonini; ha iniziato il ministero episcopale a Senigallia il 12 settembre 1971.

Nella Chiesa senigalliese si è prodigato per il bene della comunità, riservando una particolare e costante attenzione alle istanze culturali e sociali del territorio. Ha promosso la conoscenza della figura di Pio IX, dando un forte impulso alla causa di beatificazione di Papa Mastai. Ha altresì introdotto la causa di beatificazione di Enrico Medi, scienziato e padre di famiglia. Nel suo magistero episcopale ha soprattutto sviluppato i temi della centralità di Cristo e dell’Eucaristia. Assertore della speranza cristiana, ha promosso la devozione alla Madonna della Speranza, patrona insieme con San Paolino da Nola della città e diocesi di Senigallia. Dal 1976 al 1991 è stato segretario della Conferenza Episcopale Marchigiana e successivamente (dal 1991 al 1997) presidente della medesima. A livello nazionale è stato membro della Commissione Episcopale per il Clero (nel periodo 1979-1991) e del Consiglio Permanente (1991-1997) della Conferenza Episcopale Italiana; in seno al C.E.I. si è occupato in maniera particolare del Diaconato, offrendo un importante contributo alla sua riscoperta e valorizzazione. Dal 21 gennaio 1997 è divenuto Vescovo emerito di Senigallia.

Dopo aver trascorso gli ultimi anni nella Casa di Riposo dell’Opera Pia Mastai Ferretti e un breve ricovero all’Ospedale è deceduto la domenica delle Palme, 20 marzo 2016, all’età di 96 anni.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2016 alle 15:58 sul giornale del 22 marzo 2016 - 2615 letture

In questo articolo si parla di cronaca, chiesa, senigallia, diocesi di Senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/au6t


Silvana Amati

21 marzo, 16:57
Una perdita vera per la città. Un uomo intelligente, colto, sincero, aperto, sempre aperto ai bisogni della gente.
Sen. Silvana Amati




logoEV