Arcevia: ladri a scuola. Il dirigente scolastico, 'La nostra ricchezza non si ruba di notte. E' a disposizione di giorno'

19/03/2016 - Irruzione dei ladri all’Istituto comprensivo di Arcevia. La notte tra giovedì e venerdì i malviventi sono entrati all’interno dell’edificio ed hanno messo a soqquadro le stanze alla ricerca di soldi o oggetti da asportare.

I ladri, dopo aver forzato una porta di servizio, scardinato un portone blindato ed essere entrati in un’aula multimediale, si sono diretti verso gli uffici amministrativi, dove hanno scassinato anche la cassaforte. Non trovando niente, poichè i soldi erano stati portati via la sera precedente, i malviventi si sono dati alla fuga a mani vuote.

Il mattino seguente, quando il dirigente scolastico ed il personale si sono accorti della ‘visita’ dei ladri hanno segnalato l’accaduto ai carabinieri. Giunti sul posto, con l’ausilio della scientifica, per un sopralluogo i militari hanno avviato le indagini.

Nel frattempo il dirigente scolastico Dennis Luigi Censi ha affisso all’ingresso dell’Istituto e sul sito ufficiale della scuola un cartello (vedi foto) rivolto ai ladri che recita:

AI SIGNORI LADRI (in particolare a quelli che ci hanno fatto onore della loro recente visita). La nostra ricchezza non si misura in euro, dollari, sterline, yen, franchi svizzeri, oro o pietre preziose.
La nostra ricchezza si misura in poesia, musica, algebra e geometria.
La nostra ricchezza non si ruba di notte.
La nostra ricchezza è a disposizione di chiunque di giorno.
Chiedeteci apertamente la nostra ricchezza e ve la doneremo volentieri.
Il dirigente scolastico
”.

 







Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2016 alle 12:43 sul giornale del 21 marzo 2016 - 1629 letture

In questo articolo si parla di arcevia, scuola, cronaca, carabinieri, Sudani Alice Scarpini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/au2t


Mi chiedo come sia possibile che ancora ci sia gente convinta di trovare soldi dentro le scuole, soprattutto a sufficienza per compensare la fatica fatta e le conseguenze quando saranno presi (perché saranno presi, è un fatto).
Allo stato attuale c'è la lasciare qualcosa dentro le scuole, non portare via.




logoEV