Ambulanze fuori uso a Senigallia: 2 guasti in 3 giorni

ambulanza 19/03/2016 - Brutte notizie sul fronte dell'emergenza sanitaria per la città di Senigallia e per il suo entroterra. A causa di alcuni guasti le due ambulanze ubicate presso l'ospedale di Senigallia e dedicate al servizio 118 sono state costrette a fermarsi, entrambe hanno infatti subito delle avarie nel giro di pochi giorni.

Prima giovedì e poi sabato le ambulanze dell'Asur in postazione a Senigallia sono state costrette ad andare in officina per alcune riparazioni, dopo che le stesse avevano presentato delle avarie. Coloro che si sono trovati nelle condizioni di richiedere l'intervento di un'ambulanza attraverso il numero 118 non hanno comunque subito particolari disagi dovuti a questa situazione.

Per ridurre al minimo ogni possibile disagio, altre due ambulanze sono state concesse in prestito dalle Pubbliche Assistenze di Corinaldo ed Ostra poiché i mezzi adibiti all'emergenza sanitaria devono rientrare in rigide normative, all'interno delle citate ambulanze è quindi presente il personale normalmente ubicato presso la postazione dell'ospedale di Senigallia.

Le ambulanze presenti a Senigallia vengono spesso impiegate anche nelle richieste di soccorso che giungono dall'entroterra poiché nelle postazioni di Ostra e Corinaldo non è presente personale sanitario, ma solo soccorritori con specifica formazione. In ogni caso la situazione, dopo entrambi i guasti, è dunque tornata alla normalità in poche ore, anche se i due mezzi attualmente fuori uso potrebbero continuare a non essere utilizzabili ancora per diversi giorni.





Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2016 alle 11:46 sul giornale del 21 marzo 2016 - 1973 letture

In questo articolo si parla di cronaca, michele pinto, senigallia, ambulanza, 118, ambulanze, guasto, articolo, avaria, centodiciotto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/au2j


Riassumendo:
1- tagli alla sanità, che almeno a sentire chi ci lavora ha tagliato i servizi ai cittadini ma non gli sprechi veri.
2- riduzione di taluni presidi locali, con spostamenti di reparti e accorpamenti.

Insomma, almeno la manutenzione delle ambulanze ed averne almeno in numero sufficiente in proporzione alle aree servite con il giusto quantitativo di personale disponibile poteva essere fatto, CAZZO!