Lungomare Alighieri, avviata la sostituzione dei vecchi tamericci

17/03/2016 - “In questi giorni stiamo procedendo a un’operazione di riqualificazione sul lungomare Alighieri, peraltro già avviata da tempo, attraverso la sostituzione delle vecchie piante ad arbusto, compromesse e danneggiate dagli eventi atmosferici e dalle malattie fungine, con nuove essenze ad albero, nello specifico esemplari di tamerici Gallica, più resistenti e più belli di quelli attualmente presenti”.

Così l’assessore ai Lavori pubblici Enzo Monachesi, sulla notizia del presunto taglio di alberi sul lungomare Alighieri.

“La scelta adottata – continua Monachesi – oltre a favorire il lato estetico, rappresenta un intervento per la messa in sicurezza del lungomare e la tutela dell’incolumità dei cittadini. Le vecchie piante, infatti, hanno subito nel tempo danni strutturali e corrosioni del legno causate da funghi patogeni che non permettono più di gestire al meglio la sicurezza dei passanti”.

“Il progetto – aggiunge il sindaco Maurizio Mangialardi – dimostra la grande attenzione che l’Amministrazione sta ponendo al mantenimento del decoro per quanto riguarda il verde pubblico, a dispetto della poca serenità con cui spesso vengono dati giudizi fondati sul nulla. D’altra parte, solo per fare un esempio, voglio ricordare che questa Amministrazione, nello scorso autunno, ha avviato due grandi interventi per la creazione di due boschi urbani, con la messa a dimora di oltre quattromila piante.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-03-2016 alle 17:26 sul giornale del 18 marzo 2016 - 953 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia, enzo monachesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auXb


Personalmente ritengo che la messa a dimora di circa 4 mila alberi nuovi boschi urbani di Cesanella e Saline e' una progettazione errata che produrra' un grosso SPRECO di risorse perche' a causa del poco spazio tra di loro molti moriranno o si ammaleranno ponendo le basi per una rimozione in tempi brevi con ulteriori costi per la collettivita'.
Vogliamo scommettere che tra 10 anni non ne sara' sopravvissuto neanche la meta'?
Quando arrivera' il caldo per non morire di afa andremo tutti a piantare una tenda la'?




logoEV