La Città Futura sulla Centrale Biogas di Ostra: 'La Regione faccia chiarezza sul rischio idrogeologico prima di rilasciare autorizzazioni'

La Città Futura new logo 14/03/2016 - La decisione di realizzare un digestore anaerobico nell'area industriale ZIPA di Casine di Ostra deve avvenire soltanto dopo la revisione del Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) dell'area.

Oltre ai rischi indicati e normati dalla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) già rilasciata, occorre un ulteriore approfondimento sul rischio alluvione. Questo prima del rilascio dell"Autorizzazione Ambientale Integrata (AIA).

E’ quanto il Comune di Senigallia ha già chiesto nel maggio 2015 all'Autorità di bacino della Regione Marche, chiedendo di indagare e di esprimersi se l'area individuata risulti ancora idonea, da un punto di vista di assetto idrogeologico, alla collocazione di quel particolare tipo di impianto industriale.

Il nostro Sindaco ha ricevuto risposta a tali osservazioni? In tal caso, chiediamo che sia resa pubblica, così da consentire ai cittadini di valutare la questione in maniera informata e quindi equilibrata.

Ribadiamo la richiesta alle autorità competenti di esprimersi su questo aspetto centrale della questione, tornata d'attualità dopo il 3 maggio 2014.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2016 alle 13:05 sul giornale del 15 marzo 2016 - 720 letture

In questo articolo si parla di politica, casine di ostra, senigallia, centrale biogas, La Città Futura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auNO


Luigino Biagetti

14 marzo, 13:52
Questo è quello che è successo a Civitanova e non è stato necessario nemmeno scomodare un alluvione come quello del 2014http://m.cronachemaceratesi.it/2013/08/07/marea-nera-alla-foce-del-chienti-allarme-inquinamento-a-civitanova/363984/




logoEV