Ostra: al teatro La Vittoria va in scena “Viva Falcone” di e con Antonio Lovascio

Antonio Lovascio 09/03/2016 - Sabato 12/03/2016, alle ore 21.15, presso il Teatro La Vittoria di Ostra, nell’ambito della Rassegna Pigmenti, va in scena “Viva Falcone” di e con Antonio Lovascio, spettacolo patrocinato dalla Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.

Giovanni Falcone aveva capito in che modo colpire la mafia: accertamenti patrimoniali. Ma Falcone e Borsellino erano arrivati troppo vicini alla verità, una verità che avrebbe cambiato per sempre il destino del nostro Paese. Per qualcuno Falcone e Borsellino erano diventati troppo pericolosi, occorreva preservare la “Normalità”. Occorreva eliminare il problema alla radice “Chistu s’ava ammazzari!”, la minaccia di Totò Rina divenne presto realtà e si concretizzò nella strage di Capaci e successivamente in quella di Via D’Amelio. Dove nasce il nostro peccato originale? Chi sono i veri responsabili dell’attentato? Perché Giovanni Falcone è stato ucciso? Sono alcune delle domande che il giovane Salvatore San Filippo, siciliano di nascita e milanese di adozione, si pone quando sente per la prima volta la notizia della strage di Capaci.

Era il 23 maggio del 1992, aveva appena quindici anni e in quel tragico giorno, che ancora oggi rappresenta una sconfitta per l’Italia, Salvatore sente il bisogno di crescere e diventare uomo, decide di tornare in Sicilia per scoprire un altro volto della sua amata isola, un volto inquietante che per anni aveva ignorato. Ma scoprirà anche un’altra cosa: guardando a fondo dentro sé stesso scoprirà che è possibile chiudere la porta in faccia alla mafia. Salvatore comincerà a farlo unendosi ai giovani che in quei giorni erano arrivati da tutta Italia a Palermo per gridare: “Viva falcone!”. Partendo da una storia autobiografica il racconto passa attraverso la carne di Salvatore san Filippo, vero e proprio eteronimo di Antonio Lovascio. Il rito, il gioco, gli aneddoti, le usanze, le mezze parole, i proverbi, i canti popolari, diventano colonna sonora per una danza dal carattere ancestrale, che coinvolge gli spettatori rendendoli consapevoli di essere parte di una medesima cultura, quella italiana.

Il giorno precedente lo spettacolo, venerdì 11 marzo, ore 19.30, ingresso libero, presso l’Auditorium San Rocco di Senigallia, ci sarà un incontro/dibattito sul tema delle mafie. Saranno presenti Antonio Lovascio e l’Associazione Libera di Senigallia. Il prossimo appuntamento della Rassegna Pigmenti si terrà Sabato 19 Marzo, con Salvatore Striano al Teatro Carlo Goldoni di Corinaldo. Anche in questo caso il tema è quello delle mafie e Venerdì 18 Marzo si terrà l’incontro dibattito presso il San Rocco di Senigallia, ingresso libero, ore 19.30, alla presenza di Striano e dell’associazione Libera.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2016 alle 16:20 sul giornale del 10 marzo 2016 - 1015 letture

In questo articolo si parla di ostra, spettacoli, antonio lovascio, viva falcone e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auEn





logoEV