Comitato Alluvionati Misa: 'Noi cittadini di terza classe senza grandi proclami ci siamo rimboccati le maniche'

05/03/2016 - Correva l'anno 2011, era il 2 marzo e ci trovavamo a combattere con l'acqua dentro casa. Abbiamo avuto un'altra alluvione, la più disastrosa dal 1976, nel maggio 2014.

Nel frattempo è iniziata la "delocalizzazione" (quella della disperazione) della nostra zona:4 aziende hanno dato forfait,una si è trasferita, un'altra sta valutando l'ipotesi di andarsene, un' abitazione inagibile.........

Quest'anno non ci siamo nemmeno accorti che il 2 marzo è passato, forse distratti dai giornali che avvisavano di indagini della Procura e tecnici che periziano su e giù per gli argini del Misa; senza contare poi che i soliti noti proclamano l'imminente inizio dei lavori delle vasche e qualche "nuovo entrato" va in prefettura per fermare i lavori.

Noi cittadini di terza classe (come la categoria del Misa) senza alzare la voce e senza grandi proclami ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo preso un decespugliatore (in prestito visto che l'ultima alluvione ci ha portato via pure quello), un forcone e in dieci minuti abbiamo riportato "visibile" un'asta da noi piazzata anni fa per controllare l'innalzamento dei livelli del Misa in piena.

Abbiamo aggiunto dei catarinfrangenti per la visione notturna (visto che gli allarmi arrivano sempre di notte) e adesso siamo pronti per la "guardiania" del nostro tratto.

Che dire........alla prossima alluvione! In aggiunta allego una foto di un'erosione "importante" in un'argine del Misa che sta facendo impazzire FB , visto che non ho rivelato la posizione esatta, ma che abbiamo segnalato da più di un anno agli organi competenti.

Non ci confondete con coordinamenti e vari, noi siamo gli originali.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2016 alle 20:17 sul giornale del 07 marzo 2016 - 944 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, misa, comitato alluvionati Misa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auvo


Complimenti ai cittadini, diversamente dagli amministratori che si "sono dimenticati dell'alluvione di marzo 2011" (mangialardi sindaco) e non hanno fatto nulla per quello del 2014 (mangialardi sindaco).

Parlando di spirito critico, totalmente assente nei senigalliesi che non si ricordano "l'avvertimento" dell'alluvione 2011 e hanno "assolto moralmente" l'amministrazione comunale.

Su internet esistono numerose testimonianze (youreporter e youtube, tanto per iniziare) di entrambi gli eventi.....




logoEV