Amati (Pd): 'Aggiornare il testo unico infortuni introducendo prospettiva di genere'

03/03/2016 - "E' necessaria una revisione del Testo Unico infortuni sul lavoro e malattie professionali del 1965, aggiornando norme che non riflettono più le caratteristiche attuali del lavoro e dalla famiglia e introducendo una prospettiva di genere. Fino ad oggi sono stati fatti progressi con interventi frammentari" ha affermato la sen. Amati nel corso della presentazione presso la sede dell'INAIL nazionale dello studio promosso dal Gruppo Donne dell'ANMIL, Il vecchio e il nuovo - Vite di donne a confronto: come sono cambiati il lavoro e la tutela femminile negli ultimi 50 anni.

"Per questo ho da tempo presentato, con il fondamentale contributo dell'ANMIL, il Ddl 55, per una revisione complessiva, e il Ddl 1769 in materia di tutele spettanti ai familiari delle vittime e degli invalidi del lavoro, quest'ultimo ora all'esame della Commissione lavoro in Senato. Le specificità di donne e uomini hanno importanti implicazioni su sicurezza, prevenzione e conseguenze degli infortuni e delle malattie professionali. La parità sostanziale di trattamento - conclude la sen. Amati - può essere raggiunta solo abbandonando il falso mito della neutralità delle norme e delle politiche".





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2016 alle 16:42 sul giornale del 04 marzo 2016 - 566 letture

In questo articolo si parla di silvana amati, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aupE





logoEV