Pd Corinaldo: 'La salute e i diritti delle donne prima di tutto. Dare piena attuazione alla 194'

Partito Democratico 02/03/2016 - Il circolo del Partito Democratico di Corinaldo sottoscrive con forza il documento presentato alcuni giorni fa da un gruppo d’iscritti PD in merito alla piena attuazione della legge 194/78 sull'interruzione volontaria di gravidanza.

Riteniamo fondamentale mantenere alta l’attenzione e il dibattito sul rispetto di questa normativa, caposaldo civile della nostra società. E ancor più in questi giorni, con l’approssimarsi della giornata internazionale della donna, è importante accendere un ulteriore faro su questo argomento. Con soddisfazione abbiamo appreso del ripristino del servizio medico per l’attuazione della legge 194/78 anche nel vicino ospedale di Jesi grazie al proficuo impegno del Presidente della Commissione regionale Sanità, Fabrizio Volpini. Ma non per questo possiamo in alcun modo abbassare la guardia rispetto alla piena attuazione di questo diritto.

L’obiezione di coscienza, legittimo diritto della persona, non può in alcun modo diventare un ostacolo alla libertà di scelta. Tanto più rispetto ad un diritto che concerne direttamente la salute fisica e psichica della donna. Ed è per questo che le strutture sanitarie pubbliche regionali devono sempre e comunque trovare la miglior soluzione affinché tale prestazione medica sia garantita.

Come circolo cittadino, ci uniamo a quanto già richiesto da tante democratiche e democratici della nostra regione, in primo luogo verso la Regione Marche affinché garantisca  “la piena applicazione della Legge 194/78, legge dello Stato che disciplina la tutela sociale della maternità, il diritto alla procreazione cosciente e responsabile e regolamenta l'interruzione volontaria di gravidanza, affinché siano garantiti i diritti sociosanitari legati alla salute riproduttiva della donna compreso il diritto di essere informata e scegliere tra le tecniche disponibili, la più rispettosa della propria integrità fisica e psichica (art.14 L.194/78)” .

E inoltre sottolineiamo l’importanza che l’ente regionale si faccia carico di un potenziamento dei Consultori con l’obiettivo di porli nuovamente quali punti di riferimento per il mondo femminile. Infine chiediamo, unitamente a quanto già esposto dalla lettera sottoscritta da numerosi iscritti al Pd, che la Regione garantisca “un riequilibrio del personale sanitario come peraltro previsto all’articolo 9 della legge, attraverso la mobilità del personale, che preveda almeno il 50 per cento di personale non obiettore;” e si attivi affinché “il ricorso alla RU 486 (IVG farmacologica) entri nella prassi, con percorsi che prevedano, come già avviene in altre Regioni, modalità di somministrazione in grado di assicurarne la sicurezza, all’interno di percorsi di integrazione ospedale-consultorio-territorio.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-03-2016 alle 15:37 sul giornale del 03 marzo 2016 - 525 letture

In questo articolo si parla di politica, corinaldo, partito democratico, pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aumy





logoEV