Mangialardi in tv: punto su amianto e piazza Garibaldi

29/02/2016 - Il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi è stato ospite lunedì mattina della trasmissione Buongiorno Marche, l’appuntamento quotidiano con la rassegna stampa di Ètv Marche condotto dalla giornalista Linda Cittadini.

Oltre al commento delle notizie apparse nei quotidiani di oggi, Mangialardi è intervenuto sui temi caldi che riguardano la città, interloquendo in diretta con gli sms degli ascoltatori. Tra questi, la riqualificazione di piazza Garibaldi e la questione dell’amianto, al centro dell’importante Assemblea regionale svoltasi venerdì scorso nella sala consiliare del Comune.

“Il progetto – ha affermato Mangialardi – rientra nella pianificazione degli interventi di riqualificazione del centro storico che l’Amministrazione porta ormai avanti da quindici anni, sottraendo di volta in volta ampie aree all’inquinamento e al degrado, per restituirle ai cittadini. È stato così, negli anni scorsi, per il Foro Annonario, piazza Manni, piazza Del Duca, via Carducci e piazza Saffi. Ora è il momento di piazza Garibaldi, che fino a ieri rappresentava uno dei parcheggi più brutti di’Italia, mentre oggi si appresta a diventare una delle piazze più belle delle Marche, allargando il centro storico e valorizzando i suoi percorsi interni. Dunque, non un spesa, che peraltro, voglio ribadirlo, non è aumentata di un euro rispetto al progetto iniziale, ma un investimento. Un investimento che darà valore aggiunto all’immagine di Senigallia e al ruolo che la città intende svolgere nel panorama nazionale”.

“Sul tema dell’amianto – ha spiegato invece il sindaco – c’è ancora molto da fare, nonostante nella nostra città, dolorosamente segnata da questa tragedia, si sia provveduto a bonificare l’intero patrimonio pubblico e cancellata la presenza dell’Italcementi. L’appuntamento di venerdì con la senatrice Fabbri, che insieme alla Commissione d’inchiesta sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali sta lavorando alla redazione di un Testo unico che faccia finalmente ordine e chiarezza su una materia così complessa, è stato occasione per chiedere che i Comuni possano essere dotati di strumenti più incisivi per intervenire nelle situazioni di pericolo per l’incolumità pubblica”.

Un’ultima battuta, in veste di presidente dell’Anci Marche, Mangialardi l’ha voluta riservare anche al tema delle cosiddette fusioni: “I percorsi che si stanno attivando – ha detto – devono mettere al centro le esigenze dei cittadini e delle imprese. È necessario andare oltre le ragioni dettate dalla spending review, per affrontare il tema vero: quello della razionalizzazione dei costi e, soprattutto, della capacità da parte della Pubblica amministrazione di erogare servizi efficienti ed efficaci, rispondendo ai bisogni dei cittadini”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-02-2016 alle 15:53 sul giornale del 01 marzo 2016 - 1054 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/augM


bella autocelebrazione della città ideale

Maria Soldani

01 marzo, 17:43
L'intento del Sindaco, ovvero una riqualificazione territoriale, che tenga conto delle istanze sia di mero decoro del Centro Storico, che del sacrosanto disinquinamento ambientale , è più che condivisibile, anzi , meritorio ....Tuttavia, mi sento di ricordare, con tutto il rispetto (pur non essendo la sottoscritta una ..."motorizzata", ed anzi trovandomi nella stessa linea di pensiero dei "fautori" dell'uso della bici in centro storico, e sulle strade ,laddove non risulti pericoloso...)a codesta Amministrazione Comunale, che vi sono ancora persone automunite, che hanno tutto il diritto di utilizzare la loro vettura, ed altresì di parcheggiarla dove è stato all' uopo predisposto , almeno fio a quando, formule energetiche alternative alla benzina, andranno finalmente a sostituire tale carburante, dapprima in maniera via via più diffusa, ed infine definitiva , radicandosi così nel l'uso comune....
Ma, fintanto che queste vetture inquinanti sono in uso, occorre fare in modo che se ne limiti l'uso, regolandone e limitandone l' ingresso in Centro Storico, evitando però sia la completa abolizione dei parcheggi , sia, è chiaro , l' opposto, ovvero un loro scriteriato e malsano "presenzialismo" ad ogni angolo della città......
Auspico il buon senso e l'equilibrio decisionale, venendo in tal modo incontro alle esigenze sia degli ecologisti-in- bici (ai quali mi sento assai più vicina ideologicamente parlando), sia naturalmente di quegli altri (automobilisti , motociclisti), non dimenticando residenti, commercianti, ed altre categorie di cittadini e/o turisti, rispettosi della tutela ambientale e dei regolamenti comunali, ecc.) aventi diritto di vivere e godere della città proprio come la sottoscritta. Speriamo che il Sindaco attui provvedimenti equi, offrendo alternative che accontentino tutti, senza (è il mio augurio) scontentare nessuno....
Nigallia .