Pd: "Voucher-lavoro, più tutele per i lavoratori"

voucher 24/02/2016 - Condividiamo la sostanza della mozione presentata da Città Futura, in merito al preoccupante e ingiustificato aumento dell'utilizzo dei voucher-lavoro nel settore turistico di Senigallia. Un problema su cui il Pd sta lavorando da tempo, sulla base dei dati relativi al mercato del lavoro pubblicati dall'INPS.

A livello nazionale, nel 2015 ne sono stati venduti 115 milioni, contro i 500 mila del 2008, anno in cui sono stati introdotti. Un aumento esponenziale, che rende evidente un utilizzo distorto di questi strumenti accessori, che sono arrivati a sostituire quote importanti di lavoro subordinato stagionale o a termine.

Una distorsione su cui hanno pesato i controlli insufficienti e aggravata dalle modifiche introdotte con l'eliminazione del requisito dell'occasionalità e l'estensione dell'utilizzo dei voucher a tutti i settori. E' evidente che attualmente vengono pagate con i voucher anche prestazioni lavorative non saltuarie e non accessorie. Accanto a chi si comporta correttamente, in molti si stanno approfittano dei lavoratori più deboli o vulnerabili. Il datore di lavoro che abusa di questo strumento, gode della copertura assicurativa INAIL e non è vincolato da alcun contratto, mentre chi lavora stabilmente ma è retribuito con i voucher non ha diritto alle prestazioni a sostegno del reddito dell'INPS, come disoccupazione, maternità, malattia e assegni familiari, pur svolgendo in realtà un lavoro riconducibile chiaramente a un contratto di lavoro dipendente.

Un problema segnalato più volte dal Presidente della Commissione lavoro della Camera Cesare Damiano, che ha evidenziato la necessità di limitare il ricorso ai voucher-lavoro. Proprio Damiano li aveva introdotti nel 2007, da Ministro del lavoro, come strumenti occasionali e accessori per contrastare il fenomeno del lavoro nero e del caporalato e come opportunità per integrazione del reddito.

Ora bisognerà rafforzare i controlli e garantire l'effettività delle sanzioni per contrastarne l'uso distorto e di consolidare, invece, il trend positivo dell'aumento dei contratti a tempo indeterminato, rendendo strutturali gli incentivi per le assunzioni con i contratti a tutele crescenti. Sono proprio questi, pertanto, gli obiettivi della proposta di legge 3601 in materia di disciplina del lavoro accessorio, depositata la settimana scorsa dall'on. Damiano.

Condividiamo pertanto l'impegno, a partire da contesti locali dove questo grave fenomeno sta già danneggiando gravemente i lavoratori e lo sviluppo degli stessi settori coinvolti, ad elaborare proposte concrete perché vengano introdotti dei correttivi che impediscano che l'abuso dello strumento dei voucher persista e che si trasformino in un ostacolo alla promozione di rapporti di lavoro dipendente.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2016 alle 09:45 sul giornale del 25 febbraio 2016 - 1149 letture

In questo articolo si parla di lavoro, politica, pd Senigallia, voucher

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/at44


Vilma Cheri

24 febbraio, 17:18
Sono d'accordo che si facciano controlli perché terminati i contratti co.co.pro. molti datori di lavoro anziché assumere a tempo indeterminato o determinato, usano erroneamente i voucher più pagamento in nero pur lavorando 4 ore al giorno per 5 giorni a settimana