Dal viaggio alla cittadinanza: un incontro a San Rocco con la Scuola di Pace

23/02/2016 - Abbiamo seguito uomini e donne partire dai loro paesi. Li abbiamo visti lasciare tutto spinti dalla guerra o dalla fame. Intraprendere un viaggio di speranza spesso portando i figli in braccio. Situazioni dure che mettono in crisi chi parte e provocano l’umanità di chi accoglie.

Quest’epoca ci obbliga a mostrare chi siamo nel profondo, non possiamo  far finta che niente di strano accada nel nostro tempo e nella nostra società. Siamo messi a nudo e dobbiamo riscoprire la nostra vera umanità. I nuovi vicini portano con loro un bagaglio di cultura e di sapere che non conosciamo. Si sono confrontati a momenti duri e come accade a qualunque uomo o donna in quei momenti hanno dovuto misurarsi con domande che vanno al di là dell’effimero, domande alle quali  tutte le religioni cercano di dare una risposta.  Qualcuno ha abbracciato ancora con più forza il suo credo religioso altri se ne sono allontanati, lo stesso è capitato qui nella vecchia Europa.

E’ indubbio  comunque che le religioni parlano al cuore dell’uomo. Che parole  le religioni hanno oggi per soccorrere queste donne e uomini in difficoltà? Saranno capaci di dialogare tra di loro o  saranno motivo  di scontro?   Se ne parlerà martedi 23 febbraio alle 21:00, presso l’ Auditorium San Rocco, con S.E. Mons. Franco Manetti (Vescovo della Diocesi di Senigallia), il Dott. Nour Dachan (Presidente Emerito Unione Comunità Islamiche in Italia e con il Prof. Ugo Ascoli (Comunità Ebraica di Ancona). Condurrà l’incontro Alberto Quattrucci (Comunità di Sant’Egidio di Roma). L’iniziativa rientra nel programma dell’anno 2016 della Scuola di Pace in collaborazione con la Diocesi di Senigallia.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2016 alle 09:58 sul giornale del 24 febbraio 2016 - 429 letture

In questo articolo si parla di attualità, Scuola di pace V. Buccelletti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/at2f





logoEV