Castelleone: Giorno del Ricordo, l'amministrazione replica a Paese Verde

Comune di Castelleone di Suasa 19/02/2016 - Dobbiamo constatare che il Gruppo Consiliare Lista Civica Paese Verde non è attento nel leggere i nostri comunicati oppure vuole utilizzarli per scopi propagandistici.

Il fatto di alternare ogni anno una sola manifestazione”per ciò che riguarda le date commemorative, Il Giorno della Memoria”ed Il Giorno del Ricordo, non sono certo segno di insensibilità verso lo sterminio del popolo ebraico e i massacri degli innocenti nelle foibe, bensì rappresenta una scelta organizzativa che proviene da un accordo tra la precedente Amministrazione Comunale e le Scuole, avvenuto 5 o 6 anni or sono.

L’attuale Amministrazione Comunale ha proseguito l’abitudine preesistente adottata per poter trattare argomenti così delicati e gravosi in modo approfondito. L’anno scorso ha riguardato la testimonianza diretta, da parte di chi ha vissuto la terribile tragedia delle Foibe, attraverso un incontro con il Presidente dell’A.N.V.G.D., Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, sig. Franco Rismondo (Comunicato Stampa del 09/02/2015).

Quest’anno, proprio nell’avvicendamento delle due ricorrenze, si è celebrato il“Giorno della Memoria”con l’esposizione della Mostra dei bambini di Terzin, inaugurata proprio dalle Scuole e rimasta aperta alla cittadinanza per oltre due settimane e garantendo il trasporto a due classi per la visita all’Ancona Ebraica; senza dimenticare la Giornata del Ricordo”per la quale ci siamo impegnati a diffondere dei volantini ed abbiamo creato un apposito spazio sul sito comunale, dando attuazione alle Leggi istitutive delle Giornate che impongono la “diffusione della cultura e del rispetto, della tolleranza, della pace e della convivenza civile”.

Val la pena ricordare, che alcuni anni or sono e precisamente l’11/03/2005, si è svolta una discussione in Consiglio Comunale, relativa ad una richiesta per l'intitolazione di una via, una piazza o un giardino pubblico ai Martiri delle Foibe e l’allora Amministrazione, in cui era Vicesindaco l’attuale Capo Gruppo di Minoranza, si espresse negativamente con la motivazione “non accogliere questa richiesta e` per evitare strumentalizzazioni”, nonostante che la Legge istitutiva del Giorno del Ricordo”era in vigore da circa un anno e che in quell’occasione, lo stesso Vicesindaco fece un distinguo, affermando che non si poteva mettere sullo stesso piano chi ha avuto responsabilità terribili.

A nostro avviso non si dovrebbe speculare su queste tragedie ma cercare, ognuno per proprio conto, di non dimenticare e, ognuno per il proprio ruolo, di non far dimenticare. Vogliamo, comunque, tranquillizzare il Gruppo di Minoranza: non escludiamo che in futuro si possano organizzare iniziative per entrambe le ricorrenze compatibilmente con le esigenze delle Scuole e magari in accordo con altre Associazioni, ma in ogni caso assicuriamo il nostro impegno a divulgare quanto più possibile la conoscenza di questi terribili momenti della nostra storia.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2016 alle 13:37 sul giornale del 20 febbraio 2016 - 533 letture

In questo articolo si parla di castelleone di suasa, politica, comune di castelleone di suasa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atTz


luigi alberto weiss

20 febbraio, 09:01
Toni "alti" da dibattito da bar dello sport! Per celebrare certe ricorrenze non è necessario inventarsi grandi cose. Nelle scuole la fantasia non manca. Basta la volontà degli insegnanti di parlarne agli alunni.




logoEV