Max Fanelli: 'Ho registrato il mio testamento biologico. Un plauso al Comune per aver aggiornato il DAT'. Video

15/02/2016 - Oggi, dopo un anno di impegni a favore di una legge sul Fine Vita, sono riuscito a registrare il mio testamento biologico. Ciò a Senigallia, uno dei primi Comuni d'Italia ad aver istituito il registro per le DAT, la Dichiarazione Anticipata di Trattamento.

Questa tempistica è stata necessaria perché si é dovuto aggiornare il regolamento comunale, che prima non prevedeva la possibilità di dichiarazione per chi, colpito da una grave malattia invalidante, non riesce a firmare e quindi a dichiarare le sue volontà, e non era previsto l'uso del pc a controllo oculare con verbalizzatore. E si sa che il diavolo si nasconde nei dettagli.

Un plauso all’amministrazione del Comune di Senigallia per aver aggiornato il DAT con partecipazione e competenza. 

Ora, come saprete, da oltre un anno abbiamo lottato per avere una legge sul Fine Vita che comprende la DAT. Una battaglia terminata con un primo successo: la calendarizzazione dell'avvio della discussione parlamentare il 2 marzo.  

Perché quindi lottare ancora?  Perché non sempre la legge permette di eseguire le Tue volontà, nonostante siano garantite dall'art. 32 della Costituzione e dalla Convenzione internazionale di Oviedo sui Diritti umani e sulla bioetica.  

Vi esorto a compilare la vostra Dat, prima di trovarvi nelle condizioni di non poter comunicare, come é successo a me e a tante conoscenze vittime di un imprevisto.  
Perché prevenire é sempre meglio che... rimpiangere. 

Massimo ‘Max’ Fanelli







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2016 alle 19:11 sul giornale del 16 febbraio 2016 - 1917 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, eutanasia, Massimo Fanelli, Io sto con Max e piace a eneabartolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atJ3





logoEV