Area camper a Senigallia: così meglio non sostare!

15/02/2016 - Mi rendo conto che esistono problemi la cui soluzione riveste carattere prioritario rispetto a quanto desidero segnalare, ma ritengo che Senigallia debba completare la sua vocazione turistica non trascurando il turismo itinerante costituito dai camper.

L’attuale area posta a sud, lungo la Nazionale, è un invito a non sostare a Senigallia. Ho visitato il grande stand della Regione Marche alla BIT di Milano (Borsa Internazionale del Turismo) dove, tra il ricco materiale informativo, viene distribuito un libretto “Marche Pleinair” dedicato ai camper, indicante vari percorsi e contenente la mappa delle aree di sosta attrezzate della Regione. C’è anche Senigallia, ma forse l’Assessorato al Turismo non ha avuto occasione di visitarla.

I camperisti sono spesso, a torto, mal visti dagli operatori alberghieri che ritengono che i camper sottraggono clienti ai loro alberghi. Chi ha un camper, se non trova un’area attrezzata in un comune non va in albergo, cambia comune, mentre dovrebbe essere considerato una risorsa perché acquista ciò di cui ha bisogno a casa, qualche volta va al ristorante, frequenta la spiaggia, i bar, i mercati e i negozi cittadini, fa una vita da villeggiante. Per questo, dopo le ultime elezioni amministrative, complimentandomi con il rieletto Sindaco, avevo suggerito di porre l’attenzione sulla realizzazione di una area attrezzata degna di questo nome.

La risposta fu vaga, ma possibilista. Ricordo che durante la campagna elettorale il candidato sindaco, avv. Parisi, fece una analoga proposta, che fine ha fatto? La realizzazione di un’area attrezzata per camper, con pozzetto di scarico acque nere, presa per l’acqua potabile, alcune prese di corrente non è detto che debba essere gratuita Ci sono imprese specializzate in tale settore e, forse, uno studio tecnico-economico, su un terreno comunale, non necessariamente sul mare, potrebbe essere un modo per valutare la fattibilità del progetto. Sarebbe anche un modo per concentrare i camper in un unico luogo e non vederli sparsi per la città. Forse Vivere Senigallia potrebbe farsi carico di un’indagine in tale direzione per valutare se Senigallia vuole allinearsi ai numerosi comuni marchigiani nell’accoglienza al turismo itinerante.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2016 alle 10:21 sul giornale del 16 febbraio 2016 - 2046 letture

In questo articolo si parla di attualità, area camper, giancarlo anselmi e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atHK


Tiziano Vandi

16 febbraio, 16:01
Buongiorno,
siamo un'azienda specializzata nella realizzazione di aree camper chiavi in mano e siamo ovviamente a disposizione per valutare il completamento e il remake dell'area di Senigallia, renderla degna di tale nome e dotarla di tutti i servizi necessari richiesti!
Saluti
www.tincar.it