I fratelli Marconi dopo il trionfo a Venezia: "Già al lavoro per il Carnevale 2017"

09/02/2016 - Un successo dopo l’altro. Ogni loro creazione si trasforma in una opera d’arte. Ad ogni edizione diventano i protagonisti del Carnevale più famoso d’Italia. Anna e Lorenzo Marconi, artisti e titolari del laboratorio Orientexpress di Senigallia, hanno trionfato ancora una volta al Carnevale di Venezia.

Quest’anno aggiudicandosi il premio come “Maschera più bella” grazie ai loro “Bagnanti di Senigallia”. Quattro soggetti, interpretati oltre che dai due fratelli anche dall’amica Elena e dalla figlia Nicole, rimandano alle atmosfere dei primi del ‘900 quando Senigallia era la capitale del turismo balneare d’élite. Quasi metafisica metafisica la trasformazione dei materiali “poveri” impiegati nella realizzazione dei costumi come i sacchi di juta trasformati in eleganti completi da spiaggia con solo l’uso della pittura e con la cartapesta.

“L’idea del tema e dei materiali per questa maschera è partita da Anna ma ha subito entusiasmato anche me –racconta Lorenzo Marconi- siamo partiti da materiali poveri impreziositi dall’uso della cartapesta e di vecchi giornali di inizio secolo. Abbiamo disegnato anche gli accessori, come i bottoni, le cinture, non c’era nulla di “reale”, tutto era effimero proprio come il Carnevale stesso. E poi il tema, quello dei bagnanti dei primi del Novecento, accomuna Senigallia e Venezia, due città che all’epoca richiamavano l’aristocrazia di tutta Europa”.

E di Senigallia i fratelli Marconi hanno portato un po’ di spiaggia di velluto, utilizzando la sabbia per “impreziosire” parte degli abiti. “Vincere quest’anno è stata un’emozione speciale perché per la prima volta ci siamo presentati io e Anna insieme, con la stessa maschera, con l’aggiunta di figuranti, e poi abbiamo voluto fare tutto con le nostre mani, senza alcun accessorio esterno –continua Lorenzo- e avevamo paura di non arrivare alla gente. Ma per fortuna non è stato così”.

I fratelli Marconi sono imbattibili. Lorenzo si è aggiudicato l’edizione 2015 con “Monsieur Sofà e Mademoiselle Cocò” (Maschera più originale) mentre Anna è stata premiata con “La ricerca del tempo perduto” nel 2013 (premio della Maschera d'Oro). I Marconi hanno anche vinto il premio per la maschera più bella di tutti i carnevali italiani ad Abano Terme con “Il diletto di Sua Maestà” nel 2005 e “La donna Cannone” nel 2012. Lorenzo nel 2004 si è aggiudicato il primo premio del Carnevale di Venezia con un costume ispirato al racconto di Pinocchio mentre nel 2007 con “Viaggio sull'Orient Express” e nel 2009 con “Il sarto di Versailles” arrivò secondo. Oggi Anna e Lorenzo sono già lavoro per il Carnevale 2017.

“Abbiamo già alcune idee per la prossima maschera –sorride Lorenzo- che presto concretizzeremo, poi, subito dopo l’estate, passeremo alla fase operativa vera e propria”.







Questo è un articolo pubblicato il 09-02-2016 alle 02:14 sul giornale del 10 febbraio 2016 - 2109 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, carnevale di venezia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atr4