Rappresentanza di genere nei Cosigli regionali. Giancarli: “Colmato un vuoto legislativo"

Enzo Giancarli 08/02/2016 - “Sono davvero molto soddisfatto per l'approvazione in via definitiva, da parte della Camera dei Deputati, della legge sulla parità di genere nei consigli regionali. Garantire alle donne anche nelle Regioni almeno il 40 % di rappresentanza è un passaggio doveroso, che va a colmare un vuoto il cui peso si è fatto sentire per troppo tempo”.

Così il consigliere regionale PD, Enzo Giancarli, interviene sul via libera, dato dalla Camera, alla legge che garantirà un'equilibrata rappresentanza tra uomini e donne nei Consigli regionali.

“Alla soddisfazione – continua Giancarli – aggiungo anche un po' di orgoglio. Orgoglio legato all'importanza che tale questione riveste dal mio punto di vista. Già nella scorsa legislatura, infatti, ero stato firmatario, insieme ad altri, tra cui Letizia Bellabarba – prima firmataria –, Raffaele Bucciarelli e Adriano Cardogna, della proposta di legge che intendeva modificare la disciplina elettorale regionale, promuovendo proprio il riequilibrio della rappresentanza di genere nel nostro Consiglio. L'input arrivato dal Parlamento con l'approvazione di questa legge sulla parità di genere nella rappresentanza politica regionale – conclude Giancarli – mi auguro sia da incentivo a quel cambio culturale, necessario e non più rimandabile, che deve vedere le donne non come soggetti bisognosi di tutela, ma come persone il cui contributo ed il cui punto di vista, al pari degli uomini, sono necessari per un corretto e migliore governo delle istituzioni democratiche”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2016 alle 15:13 sul giornale del 09 febbraio 2016 - 515 letture

In questo articolo si parla di politica, marche, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atrA


luigi alberto weiss

09 febbraio, 08:29
Presidente, lei mi delude. Una legge di questo tipo è senza senso e finisce per perpetuare un metodo fintamente democratico, in cui la composizioni di enti istituzionali sarà affidata agli umori del "capo", con tutti i rischi del caso. Chiedo: il cittadino-elettore che ruolo ha?




logoEV