Montemarciano: Gigli (M5S) sulla sanità, 'Un referendum per dire no alla riforma centralizzata. Qual'è la posizione del sindaco?'

gabriele gigli 06/02/2016 - Il MoVimento 5 Stelle Montemarciano ha protocollato gia' mercoledì i quesiti raccogliendo la sfida del referendum abrogativo sulla sanità regionale. Il potere è attualmente concentrato nelle mani della Giunta che, esautorato il Consiglio, delibera provvedimenti aberranti come quelli presi in fretta e furia prima di Natale dal Presidente Ceriscioli (http://goo.gl/RLGYHo).

Con questo referendum si potrà riportare ai cittadini la possibilità di decidere, attraverso i propri rappresentanti, della sanità pubblica. Ma i tempi sono strettissimi per poter abbinare il referendum alle elezioni amministrative di giugno, ed occorre che la richiesta venga effettuata da almeno 20 Consigli comunali del territorio regionale.

Siamo convinti di potercela fare e per questo chiediamo, di nuovo e con forza, al Sindaco Serrani, che non ha ancora preso una posizione ufficiale, di convocare il Consiglio comunale di Montemarciano e di approvare i quesiti depositati. Può scegliere se essere, come noi, dalla parte dei cittadini oppure se appoggiare la via dell'accentramento e della privatizzazione della Sanità. In ogni caso noi continueremo la battaglia!


da Gabriele Gigli
Portavoce MoVimento 5 Stelle Montemarciano




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2016 alle 17:01 sul giornale del 08 febbraio 2016 - 597 letture

In questo articolo si parla di montemarciano, politica, Movimento 5 Stelle, Gabriele Gigli, MoVimento 5 Stelle Montemarciano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/atnT





logoEV