Da Senigallia a Roma per il Family Day

Sentinelle in piedi 28/01/2016 - Anche da Senigallia molte persone parteciperanno al Family day di Roma. Comitato salviamo i nostri figli.

Il matrimonio è la sola unione civile. Lo ri-conosce la Costituzione, prendendo atto che la famiglia pre esiste rispetto alla Carta stessa, che questa "società naturale fondata sul matrimonio" è precedente al diritto positivo e che è essenziale per il Bene Comune, poiché è l'unica capace di garantire la prosecuzione delle generazioni e quindi la costruzione della società.

Non è solo questione di differenza genitoriale, è, prima ancora, una questione di complementarietà uomo donna, di responsabilità, di fedeltà e di progettualità dell'amore sponsale, di apertura alla vita. Che è possibile solo dove c'è l'unione stabile tra un uomo e una donna. Il 28 gennaio viene incardinato al Senato il testo sulle cosiddette "unioni civili".

Hanno cercato di farci credere che questo testo sia uno strumento necessario a garantire dei diritti ad una supposta categoria di persone discriminate per il loro orientamento sessuale, e poi ci hanno ingannato dicendoci che l'unica cosa da rigettare sia la pratica dell'utero in affitto — cui questo testo criminale apre, legittimando così l'oggettivazione di un bambino che viene strappato dai suoi genitori biologici — ma in gioco c'è molto di più: vogliono assestare l'ultimo colpo alla già martoriata famiglia nobilitando l'amore sentimentale e svilendo il vincolo sponsale.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-01-2016 alle 19:49 sul giornale del 29 gennaio 2016 - 896 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sentinelle in Piedi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/as4b





logoEV