Barbara: giornate di “Scuola aperta”

17/01/2016 - Dal 22 gennaio al 22 febbraio 2016 sono aperte le iscrizioni alle classi prime delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado: ricordando ai genitori questa importante scadenza, l’Amministrazione Comunale di Barbara, gli insegnanti del plesso scolastico di Via delle Mura e il Dirigente Scolastico organizzano le giornate di “Scuola aperta”.

Nelle giornate di “Scuola aperta” i genitori che devono iscrivere i propri figli alle classi prime della scuola dell’infanzia o primaria potranno dunque visitare la struttura scolastica di Barbara, per avere modo di conoscerne l’ambiente educativo e le sue particolarità.

La scuola dell’infanzia “Arcobaleno” è aperta alle visite dei genitori negli orari generali di apertura, preferibilmente contattando prima le insegnanti al numero 071-9674060 per accordare un appuntamento. L’insegnante di riferimento è Catia Lorenzetti.

Per la scuola primaria “Aldo Fiorini” l’insegnante di riferimento è Paola Ferrero e le giornate di “Scuola aperta” sono le seguenti:
-mercoledì 20 gennaio, ore 13:00-16:00
-mercoledì 27 gennaio, ore 13:00-16:00
-mercoledì 3 febbraio, ore 13:00-16:00
-mercoledì 10 febbraio, ore 13:30-16:00.
Gli insegnanti della scuola primaria sono comunque disponibili ad accogliere i genitori anche in altri orari e date da concordare al numero 071-9674169.

Grazie alle sue dimensioni non eccessive, la scuola riesce ad organizzare un’importante attività progettuale e gli insegnanti riescono a lavorare più efficientemente, seguendo con adeguatezza soprattutto quegli alunni che ne hanno maggior bisogno ed organizzando in base alle varie necessità momenti di recupero e sostegno per i bambini. La struttura scolastica raggruppa infatti nello stesso plesso di Via delle Mura 35-37 sia la scuola primaria “Aldo Fiorini” che quella dell’infanzia “Arcobaleno” e comprende anche una palestra e una mensa interne: particolare riguardo è stato dato e si dà all’educazione alimentare, scegliendo dove possibile prodotti biologici, freschi e locali.

Con la supervisione degli insegnanti, le attività che vengono seguite sono molteplici e consentono ai bambini di vivere esperienze arricchenti: da sottolineare la presenza della biblioteca comunale, dell’Aula Verde “I Giardini di Luna” per programmi di educazione ambientale e di un campo sportivo tutti a pochi metri dal plesso stesso. Sono presenti anche importanti dotazioni tecnologiche, come 3 lavagne interattive multimediali e l’aula multimediale nella scuola primaria, che contribuiscono a rendere la nostra scuola moderna e al passo coi tempi. Quella di Barbara si può dunque definire una scuola “d’eccellenza”, alla quale l’Amministrazione Comunale ha prestato sempre attenzione e riservato risorse, soprattutto alla sicurezza degli impianti e dei locali.

Altrettanto importante è il trasporto scolastico garantito dal Comune, che si impegnerà a realizzare “punti di raccolta” sul territorio per facilitare il trasporto di eventuali alunni residenti fuori comune. Cogliamo l’occasione per ricordare che le tariffe sia del trasporto che della mensa scolastica sono stabili da 3 anni, e si cercherà di mantenerle tali anche per il futuro.

Al momento dell’iscrizione, per quanto riguarda la scuola primaria, i genitori potranno liberamente scegliere per la settimana “corta” su cinque giorni (da lunedì a venerdì, con due rientri pomeridiani) o per il tempo “pieno”.

Vogliamo riportare a puro titolo di esempio alcune potenzialità che offre la scelta del tempo pieno per la scuola primaria, che il Comune si impegnerà ad attuare se dovesse prevalere questa scelta: il tempo pieno permette un insegnamento più flessibile e più vicino ai ritmi di apprendimento di ciascun bambino, c’è infatti più tempo per imparare per chi è in difficoltà, per lavorare insieme all’insegnante e per valorizzare le potenzialità di tutti. I bambini sono coinvolti in attività ludiche, ricreative e manuali, stanno con i loro coetanei e socializzano, vivendo maggiori esperienze formative proprio grazie alle ore in più in cui si sta a scuola. Inoltre il tempo pieno può essere un aiuto concreto alle famiglie per conciliare più facilmente i tempi di lavoro e di famiglia, soprattutto per le donne lavoratrici e madri, spesso costrette a fare delle rinunce professionali perché non vi è un’adeguata rete di supporto sociale.
 







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-01-2016 alle 18:47 sul giornale del 18 gennaio 2016 - 679 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di barbara, barbara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asA9





logoEV