Fp Cgil Area Vasta 2: 'Pronta nuova legge regionale blitz, peggio di quella di Natale'

Fp Cgil 15/01/2016 - Pronta una nuova Proposta di legge regionale blitz. Se possibile peggiore della precedente approvata alla vigilia di Natale 2015.

 

Quella che, lo ricordiamo, essere ancora oggetto della forte vertenza sindacale – non affatto conclusasi – per la clamorosa vicenda, senza precedenti per la Regione Marche e nella storia della sinistra governativa – dello scippo della Contrattazione alle Aree Vaste.

Stavolta la nuova legge blitz sarebbe segretamente confezionata dal Presidente dell'Assemblea Legislativa della Regione Marche, Antonio Mastrovincenzo, dal Presidente della IV Commissione Sanità della Regione Marche, Fabrizio Volpini, e dal Consigliere Regionale Renato Claudio Minardi.

Rivolta a sospendere per un anno gli effetti dell'Art.1 della Proposta di legge n.25 approvata alla vigilia di Natale 2015, al cui comma 7 prevede restanti 180 giorni (6 mesi) di vita per la Contrattazione delle Aree Vaste e le relative RR.SS.UU., dal momento della sua entrata in vigore.

Pronta insomma l'ennesima presa per i fondelli per le Contrattazioni delle Aree Vaste e le relative RR.SS.UU.

Altro che ritiro paventato dell'Art.1 della Proposta di legge n.25 approvata il 23/12/2015.

Considerato che chi trama nell’ombra con questa modalità, in fretta e furia, per una nuova legge regionale blitz, sono proprio i sottoscrittori dell'Accordo appena firmato in Regione con le OO.SS. Confederali e Regionali CGIL CISL UIL CONFASL-FIALS, ossia proprio Antonio Mastrovincenzo e Fabrizio Volpini.

Accordo concluso per cercare di superare gli effetti dell’Art.1, e non per confermarli.

Pertanto, ancora una volta, assistiamo ad una proposta di legge anticostituzionale e antisindacale contro la figura e il ruolo fondamentali delle RR.SS.UU. delle Aree Vaste, prodotta all'insaputa dei Sindacati.

Sia quelli Confederali e Regionali firmatari dell'Accordo sottoscritto in Regione l'11/01/2016, sia le RR.SS.UU.

Accordo che prevedeva appunto l'impegno di coinvolgere i Sindacati, subito disatteso.

E’ la dimostrazione di quando detto da noi nel precedente Comunicato del 03/01/2016.

E’ la prova che il Presidente Luca Ceriscioli non ha proprio intenzione di rispettare gli impegni assunti con il Protocollo d’Intesa Programmatico Regionale firmato il 27/07/2015 insieme i Confederali CGIL CISL UIL, che doveva assicurare la qualità della partecipazione e del confronto.

Come ora non fa rispettare l’Accordo regionale, peraltro anche da lui firmato, appena sottoscritto l’11/01/2016, insieme con gli stessi Antonio Mastrovincenzo, Fabrizio Volpini e le OO.SS. Confederali e Regionali CGIL CISL UIL CONFSAL-FIALS. Come può quindi raccontare cose vere ai cittadini, o fare cose serie, se tratta così i lavoratori e le loro forme di rappresentanza e tutela dei diritti e della dignità sul luogo di lavoro ?





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-01-2016 alle 23:33 sul giornale del 16 gennaio 2016 - 362 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, cgil, sindacato, fp cgil, Area vasta 2, funzione pubblica


luigi alberto weiss

17 gennaio, 12:19
E adesso tornate a votare il "sindaco delle Marche" e le sue mosche cocchiere!




logoEV