Consegnati i lavori per l’escavo del fiume, Mangialardi: “Intervento fondamentale per la messa in sicurezza del Misa”

16/12/2015 - Sono stati consegnati mercoledì mattina i lavori di escavo sul Misa, nel tratto compreso tra ponte Garibaldi e ponte Zavatti.

L’intervento, realizzato dalla ditta Centrostrade di Ostra Vetere che si è aggiudicata il bando, riguarda la rimozione dei depositi di materiale sedimentatisi con il passare del tempo e l’allargamento della sezione del fiume. I mezzi da lavoro arriveranno già domani mattina, in occasione dell’apertura del cantiere.

I materiali asportati, stimati in un volume di circa 10 mila metri cubi, saranno riutilizzati in siti idonei a cura della stessa ditta appaltatrice.

“Un altro importante intervento - ha affermato il sindaco Maurizio Mangialardi durante il sopralluogo nell’area – per la messa in sicurezza del fiume, la salvaguardia della pubblica incolumità, la tutela della sicurezza stradale e la prevenzione di fenomeni di allagamento del centro abitato in caso di forti piogge. Di fatto, si tratta del proseguo dei lavori di pulizia lungo il canale, già iniziati lo scorso luglio con la rimozione degli accumuli di detriti nel tratto tra ponte 2 giugno e ponte Garibaldi. Un sentito ringraziamento alla Provincia di Ancona, all’Autorità di bacino e, in particolare, all’assessore regionale Angelo Sciapichetti, che con grande spirito di collaborazione ha coordinato il percorso”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-12-2015 alle 14:27 sul giornale del 17 dicembre 2015 - 1895 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, fiume misa, politica, senigallia, lavori, escavo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/arGA


"per la messa in sicurezza del fiume, la salvaguardia della pubblica incolumità, la tutela della sicurezza stradale e la prevenzione di fenomeni di allagamento del centro abitato in caso di forti piogge”. Belle parole che avrei voluto leggere prima del disastro del 3 maggio 2014, ora sanno solo di bassa retorica e hanno il sapore di una presa in giro.

garbini m.luisa S.610

16 dicembre, 21:56
Commento sconsigliato, leggilo comunque

"L’intervento ........ riguarda la rimozione dei depositi di materiale sedimentatisi con il passare del tempo e l’allargamento della sezione del fiume."
Il passare del tempo, esatto.
Anni ed anni di incuria ed abbandono han portato a questa situazione.
Quindi avrei optato per meno clamore, magari accompagnato dalle scuse da parte di chi doveva pulire e non l'ha fatto e da parte di chi avrebbe dovuto controllare e non l'ha fatto.

Finiremo per essere ripetitivi e noiosi se dovessimo iniziare a scrivere articoli su quelli che sono considerati gli interventi base(uno di questi è proprio l'intervento sul fiume) che vengono finanziati regolarmente dai cittadini tramite le tasse.

Questi articoli sembrano i classici giochetti psicologici per accrescere la fiducia di chi li legge... voi politici siete solo buoni ad abbassare le aspettative quel tanto che basta per poi "venderci" quello che ci avete già "venduto".

Concordo ragazzi......fare tutto dopo quando, me compreso, l'allarme l'aveva dato anni prima ed espresso personalmente in Provincia con la classica risposta "non ci sono i soldi" è troppo facile e personalmente non me ne vanterei. L'Amministratore è chiamato non a fare DOPO (dove sarebbero capaci tutti) ma a PREVENIRE o fare scelte magari che al momento sembrano impopolari (con il rischio della "poltrona") ma se argomentato con intelligenza rispondendo alle critiche, il tempo gli darà ragione.

Mirko Romiti

17 dicembre, 13:05
FACCIO UN APPELLO a chi mi può rispondere... le nostre amministrazioni comunali "stanno facendo tanto" per promuovere nel nostro territorio il "CONSORZIO BONIFICA MARCHE" un nuovo ente regionale OBBLIGATORIO per la manutenzione e la prevenzione del dissesto idrogeologico, FINANZIATO DA UNA NUOVA TASSA patrimoniale regionale, questo non è compito del "CONSORZIO BONIFICA MARCHE"? Potevamo risparmiare soldi dei cittadini?

Commento sconsigliato, leggilo comunque