Week end di shopping in centro: i commercianti, 'Bene il movimento, critica la sosta'

natale 13/12/2015 - Week end di shopping e movimento per le vie del centro storico, con l'incognita dei parcheggi. E' andato tutto sommato bene il penultimo fine settimana pre natalizio. I commercianti “non si lamentano” del flusso di visitatori in centro e le vendite ci sono state.

Ad attirare i clienti in centro sono stati un mix di fattori: dalle iniziative di Natale messe in campo dal Comune, dai negozianti e dalle associazioni di categoria, all'avvicinarsi del Natale che impone ormai di non indugiare oltre sull'acquisto da mettere sotto l'albero. E anche se l'esperimento delle aperture serali nei sabato sera non sta riscuotendo il successo dello shopping by night estivo le associazioni di categoria invitano a tenere duro.

“C'è un generale clima di ottimismo e entusiasmo che non si respirava da anni -spiega Riccardo Pasquini di Confcommercio- i commercianti sono moderatamente soddisfatti, siamo riusciti a mettere in piedi tante nuove iniziative e i clienti che arrivano sono colpiti dall'atmosfera che si respira e tutto sommato comprano anche. Le aperture serali? C'è sempre un inizio. Lo so che è difficile e per alcuni commercianti è un sacrificio ma noi invitiamo a proseguire. Si tratta di pochi sabato sera. Piuttosto sarebbe il caso di introdurre in futuro eventi natalizi anche la sera e pubblicizzare meglio la cosa”.

Una piccola ripresa nei consumi c'è ma lo shopping senigalliese è penalizzato dall'aumento della tassazione che i cittadini si ritrovano in questi giorni a dover pagare. “Seppure piccola pare che ci sia una ripresa dopo anni durissimi ma è ancora presto -aggiunge Giacomo Mugianesi di Cna- il problema di Senigallia è che quest'anno la tassazione è stata fortemente aumentata e proprio in questi giorni i cittadini devono fare i conti con aumenti di Imu e Tasi da pagare e quindi sono frenati negli acquisti. Il centro però è movimento e siamo contenti. La notte shopping andava pubblicizzata di più ma tutto serve per fare meglio”.

Il vero problema che sembra creare disagi sono i parcheggi. I lavori in piazza Garibaldi hanno tolto in un colpo oltre 300 parcheggi e l'estensione della pedonalizzazione ha spinto “fuori” dalla ztl le auto dei residenti che ora vanno ad occupare parcheggi solitamente utilizzati da quanti si recano in centro. Nelle ore di punta del tardo pomeriggio il traffico è stato rallentato. I portici Ercolani, viale IV Novembre e lo stradone Misa hanno registrato code e intoppi. Per il Comune i posti auto in centro ci sono. Dal parcheggione sempre gratis alla ex Sacelit, alle strisce blu dell'area compresa tra via Pisacane e viale Cavallotti, i Portici Ercolani, il rione Porto, le due aree di sosta a pagamento lungo viale Leopardi, la ex Gil, villa Baviera e anche al Ponte Zavatti. I visitatori però tenderebbero a prediligere parcheggi a ridosso del centro, rinunciando ad aree più “lontane” come la ex Sacelit o ponte Zavatti.

“I parcheggi in effetti si stanno rivelando un problema -aggiunge Mugianesi- purtroppo persiste ancora la mentalità per cui si cerca il parcheggio attaccato al negozio ma questo deve cambiare. Certamente le aree di sosta presenti in città vanno meglio pubblicizzate ma occrre anche un cambiamento di atteggiamento. Sulla pedonalizzazione del centro non si può tornare indietro. Dobbiamo stare al passo con tutte le principali città che hanno ormai centri storici dove la gente ama camminare e fare shopping”. “La polemica sui parcheggi deve essere arginata -sottolinea Confcommercio- è vero che manca piazza Garibaldi ma i parcheggi ci sono. Piuttosto il Comune dovrebbe introdurre le giuste segnalazioni come per altro promesso in vari incontri. Fare due passi in più non deve essere un limite”.





Questo è un articolo pubblicato il 13-12-2015 alle 19:47 sul giornale del 14 dicembre 2015 - 719 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/arzy





logoEV