Montemarciano: partorisce in casa e il bimbo muore, tragedia per una 37enne

salesi 09/12/2015 - Una inutile corsa verso il Salesi per tentare l'impossibile. I sanitari del 118 hanno provato il tutto e per tutto ma per il feto di otto mesi trovato morto subito dopo il parto nel bagno di una abitazione a Montemarciano non c'è stato nulla da fare.

La tragedia si è consumata la mattina dell'8 dicembre. Una donna di 37 anni, da qualche tempo trasferitasi in un appartamento ala Gabella di Montemarciano e affetta da problemi psichici, ha partorito martedì mattina nel bagno di casa. A chiedere aiuto, ma solo dopo aver partorito, è stata la donna stessa che ha chiamato il 118. All'arrivo i sanitari hanno trovato la donna ancora in bagno con il cordone ombelicale attaccato e il neonato purtroppo morto. I medici hanno cercato di rianimare il piccolo anche se avevano subito capito che non c'erano speranze.

Poi la corsa verso il Salesi. Ma anche qui purtroppo non è cambiato nulla. Il feto di 32 settimane è stato dichiarato morto. La donna, poi interrogata dai Carabinieri, ha raccontato, ancora sotto shock l'accaduto. La 37enne, che vive da sola e che non avrebbe familiari in zona, ha riferito di aver iniziato ad accusare dolori lunedì sera. Dolori, evidentemente le contrazioni di quello che poi si è rivelato un parto prematuro, che la donna ha sottovaluto. Alla mattina poi il parto in bagno. Ora sul corpicino del neonato è stata disposta una autopsia che dovrà chiarire le cause decesso. In particolare occorre stabilire se il neonato sia nato già morto o se è morto subito dopo il parto. Per la donna invece si sono attivati i servizi sociali del Comune di Montemarciano.





Questo è un articolo pubblicato il 09-12-2015 alle 10:33 sul giornale del 10 dicembre 2015 - 5355 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, salesi, ospedale materno infantile, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/arpq