Trecastelli: buoni pasto, sicurezza e ludopatia in Consiglio Comunale

comune di trecastelli 27/11/2015 - E’ stato convocato per il giorno Lunedì 30 Novembre 2015 h. 21.00 presso la casa comunale di Ripe il consiglio comunale di Trecastelli.

Tra gli ordini del giorno da trattare(tutti gli ordini del giorno sono e debbono essere pubblicati sulla homepage del sito istituzionale del Comune www.comune.trecastelli.an.it), spiccano le mozioni presentate dal gruppo di minoranza la cui approvazione da parte del Consiglio impegnerebbe Sindaco e Giunta a rivedere il costo dei buoni pasto delle mense scolastiche aumentati dalla giunta per l’anno scolastico in corso, a prevedere delle fasce orarie in cui è inibito agli esercizi commerciali l’utilizzo di apparecchi per il gioco d’azzardo, ad aderire al progetto elaborato dalla Prefettura di Ancona denominato “Controllo del Vicinato”.

Sempre su iniziativa del gruppo di minoranza consiliare , il Consiglio sarà chiamato a decidere se riconoscere delle agevolazioni tributarie in favore dei volontari che hanno partecipato alla tinteggiatura degli edifici scolastici comunali. Vista la delicatezza dei temi, il gruppo di minoranza consiliare invita caldamente tutta la cittadinanza a partecipare alla seduta di lunedì p.v. poiché a tutti i cittadini appartenenti alle tre Municipalità di Trecastelli spetta il diritto di esprimersi direttamente sulle questioni di maggior spessore che coinvolgono ed impegnano tutta la comunità trecastellana. Il gruppo di minoranza consiliare





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2015 alle 21:14 sul giornale del 28 novembre 2015 - 446 letture

In questo articolo si parla di politica, Gruppo di Minoranza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aq1O


Elena Morbidelli

27 novembre, 22:48
Un primato va di certo a Trecastelli: è l'unico comune della valle del Misa dove l'articolo della convocazione del Consiglio Comunale è fatto sempre dalla minoranza. Mai una volta dalla maggioranza. Come mai? I cittadini non hanno il diritto di sapere? A quanto pare è meglio che i cittadini non sappiano!