Paradisi: "Un onore avere avuto vicino Francesco"

roberto paradisi 16/11/2015 - L’ultima volta che ho sentito Francesco è stata una scarica di forza interiore e di solarità. “Io non mollo e sono pronto a lottare” mi aveva detto quando già conosceva perfettamente la natura del suo male.

Stimato avversario politico (mai “nemico”) per anni, durante l’ultima campagna elettorale ho avuto la fortuna e l’onore di averlo come alleato. Lui era così: non si schierava aprioristicamente con il potere e non conosceva, in politica, la categoria dell’odio. Ha sempre scelto in base alle convinzioni personali, anche quando queste lo portavano lontano dal fulcro del comando.

Anche quando tali scelte rappresentavano sfide difficili se non impossibili (come l’ultima). Ha sempre valutato le persone per ciò che sono realmente, al di là degli schieramenti ideologici o del loro passato. E’ soprattutto lui che ha reso possibile la singolare alleanza trasversale dell’ultima campagna elettorale. Sapeva valorizzare i lati migliori di tutti. Per troppo poco tempo ci siamo trovati dalla stessa parte della barricata, ma in questo poco tempo ne ho apprezzato la coerenza e la singolare intelligenza politica.

Fino a cogliere, uno ad uno, tutti i consigli che Francesco offriva a tutti noi. Un amico comune mi ha raccontato quasi giorno per giorno l’evoluzione della malattia. Che ha affrontato con la dignità e la fierezza che solo pochi uomini conoscono. Un onore averlo avuto vicino.


da avv. Roberto Paradisi
legale del proprietario



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-11-2015 alle 21:02 sul giornale del 17 novembre 2015 - 625 letture

In questo articolo si parla di cronaca, roberto paradisi, legale e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqws


N.H.m.u.

17 novembre, 07:28
Commento sconsigliato, leggilo comunque