Attività di volontariato agli extracomunitari, Mangialardi: “Si costruisce integrazione e si sconfiggono i pregiudizi”

20/10/2015 - Accogliere e integrare i cittadini extracomunitari richiedenti protezione internazionale. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa sottoscritto dal prefetto di Ancona Raffaele Cannizzaro, dal sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi (anche nella veste di presidente dell’ambito territoriale sociale 8), dai sindaci di Arcevia, Barbara, Castelleone di Suasa, Corinaldo, Ostra, Ostra Vetere, Trecastelli, Serra de’ Conti e Montecarotto, da alcune organizzazioni e associazioni impegnate nell’accoglienza e dai sindacati che sostengono il progetto.

I soggetti interessati saranno coinvolti su base volontaria e saranno formati da operatori specializzati delle associazioni e delle organizzazioni territoriali, tra cui la Croce Rossa e la Caritas.

“Il nostro territorio – afferma il sindaco Mangialardi – si dimostra ancora una volta all’avanguardia nelle politiche dell’immigrazione, avviando un progetto sperimentale che può diventare un modello realizzabile ovunque italiana per coniugare accoglienza e integrazione, e soprattutto sconfiggere ogni forma di pregiudizio nei confronti di chi scappa da guerre e persecuzioni. Un sentito ringraziamento al prefetto Cannizzaro, alla Caritas, alla Croce Rossa e a tutte le organizzazioni che hanno dato la loro disponibilità a collaborare, dimostrando che quando esiste la volontà le soluzioni ai problemi si trovano e si migliorano le condizioni di vita delle nostre comunità”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2015 alle 15:38 sul giornale del 21 ottobre 2015 - 674 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, politica, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/apq8


N.H.m.u.

20 ottobre, 20:01
Così si guadagnano qualche decina voti extra-com. alle prossime elezioni!

Continuare a rammentare che: A) Senigallia sette-7(8 con perini) assessori UNO-2 in più che in consiglio regionale? B) Una foto al giorno c'imprime in testa la bellezza del ricciolino. Con diverse foto al giorno il ricciolino non ce lo leviamo più di TORNO! s610