Sanità. PD Marche costituisce gruppo tematico. Volpini: 'Assolutamente importante e utile'

17/10/2015 - Un gruppo di lavoro sulla sanità per contribuire al miglioramento delle politiche sociosanitarie regionali. Un comitato di staff che il Partito Democratico delle Marche ha messo in piedi coinvolgendo varie personalità e competenze e che si è riunito per la prima volta questa settimana.

“Un gruppo di personalità autorevoli e competenti – asserisce il segretario regionale del PD Marche, Francesco Comi – che si amplierà e integrerà ulteriormente e che avrà la funzione di studiare, elaborare e progettare proposte per il buongoverno della sanità, nel solco dell’azione riformatrice avviata dal Presidente Ceriscioli e dal Presidente della Commissione Sanità Volpini”.
“Il nostro intento – spiega Franco Antonini, nominato nuovo responsabile PD Marche dell’area tematica ‘Sanità’ dal segretario Comi e alla guida del team – è segnare un cambio di passo nell’azione del partito per il buongoverno della regione Marche, modificando il nostro approccio alle tematiche sanitarie, sia dal punto di vista organizzativo che dei contenuti. Quanto all’organizzazione, abbiamo deciso di creare un circolo tematico per ogni area vasta, prevedendo un coordinamento regionale. Sui contenuti, il nostro imprinting sarà una variazione di metodo: analizzeremo i dati, ne daremo lettura e valutazione e prospetteremo soluzioni. Un gruppo, quindi – precisa Antonini –, che fornirà contributi e linee di indirizzo, rispondendo anche all’esigenza di creare una stretta corrispondenza tra la Presidenza della Giunta regionale e i territori”.

Presente ai lavori dello staff anche il Presidente del Gruppo PD in Consiglio regionale, Gianluca Busilacchi. “È importante – sottolinea il capogruppo – che il Partito Democratico nell'attività dei propri gruppi di lavoro dia particolare rilevanza ad un tema così delicato come quello della sanità. Questo comitato farà un lavoro politico che servirà a rafforzare l'azione istituzionale della Giunta e del Gruppo consiliare, con iniziative, contributi e supporti di stimolo. Un lavoro che tornerà molto utile anche per l'attività del Gruppo”.

Soddisfatto della creazione di questa squadra di lavoro anche il Presidente della Commissione consiliare permanente della Sanità, Fabrizio Volpini, secondo cui “creare all'interno del PD un gruppo, anche eterogeneo, che abbraccia più e diverse competenze è assolutamente importante e utile perché fa da supporto a chi nelle istituzioni deve rappresentare e portare avanti le politiche socio-sanitarie. Il tutto – aggiunge Volpini – in un rapporto di reciproco scambio e collaborazione, nel rispetto della specificità dei ruoli. Il partito, quindi, svolgerà un'azione di proposta, riflessione e studio verso chi sta nelle istituzioni e sarà una sorta di laboratorio e di tessuto connettivo tra territori”.

Il comitato del PD Marche può, inoltre, contare sulla presenza di Gianmario Raggetti, professore dell’Università Politecnica delle Marche. “La scelta del PD di dotarsi di un comitato di staff in ambito sanitario – sostiene Raggetti – è estremamente innovativa, come metodo e positiva, come attesa di risultati. L'entusiasmo percepito durante la prima riunione lascia sperare in una accelerazione dei lavori da svolgere, considerate la complessità e l'urgenza dei problemi da affrontare sul piano sanitario regionale. Il metodo individuato – è convinto il professore – permetterà di migliorare l'interazione tra i rappresentanti del PD negli organismi regionali e nelle strutture sanitarie, che potranno  confrontarsi con un organo consultivo che si interesserà di raccogliere esigenze, opinioni e soluzioni della collettività diffusa sul territorio regionale”.

 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-10-2015 alle 16:44 sul giornale del 19 ottobre 2015 - 693 letture

In questo articolo si parla di sanità, regione marche, politica, Gruppo Pd Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/apkw


Luigi Alberto Weiss

19 ottobre, 09:12
Il gruppo tematico del PD (ancora esiste questo partito?) cominci a spiegare ai CITTADINI MARCHIGIANI le ragioni delle tante fughe di primari da reparti importanti dell'ospedale regionale di Torrette? E poi la carenza di medici e infermieri un po' ovunque? E gli infiniti sprechi nei servizi collaterali (vedi quello dei pasti ai ricoverati nelle strutture minori)? E i costi che debbono sostenere le famiglie per assistere i propri congiunti ricoverati? E gli spropositati compensi dei dirigenti delle aree vaste?

Un altro comitato. O gruppo di studio.
Perché non una bella commissione già che ci siamo?
E tra due anni saremo a conoscenza delle vere problematiche.....
eppoi nei due anni successivi si accelererà lo studio per la risoluzione dei problemi
e nei due anni successivi ancora si metteranno in cantiere le soluzioni alle problematiche che nel frattempo si sono risolte da sole
e allora si ricomincerà a studiare il modo per incasinare tutto un'altra volta
e vissero tutti felici, ricchi e contenti