Giovani Democratici: approvato lo "Ius soli" alla Camera

Ius soli 14/10/2015 - Martedì 13 ottobre la Camera ha approvato la nuova legge sulla cittadinanza: 310 voti a favore, 189 contrari ed 83 astenuti. Via libera dunque allo “Ius soli temperato” e allo “Ius culturae”, le due nuove modalità per l'acquisto della cittadinanza italiana da parte dei minori stranieri.

A votare insieme alla maggioranza sono stati i deputati di SEL, Area popolare e Ala. Contrari Fratelli d'Italia, Lega Nord e Forza Italia (tranne Renata Polverini). Il Movimento 5 Stelle, nonostante appena entrato in Parlamento fosse stato tra i promotori di una proposta di legge simile (firmato dai deputati Dadone e Sorial) si è astenuto, come si sono astenuti dal voto i quattro componenti del Gruppo Misto che rispondono al movimento “Possibile” di Pippo Civati.

Una legge sullo “Ius soli” era fra le #10ProposteGD che come Giovani Democratici di Senigallia abbiamo portato all'attenzione della cittadinanza lo scorso inverno presso l'Auditorium San Rocco e presso la Rotonda a Mare durante i due incontri di presentazione delle candidature di Ceriscioli e Marcolini alle Primarie in vista delle elezioni regionali di maggio.

Non possiamo dunque non dirci soddisfatti per il passaggio alla Camera di una legge che permetta finalmente a chi nasce in Italia di essere italiano.

Si tratta di una norma di civiltà che consentirà ad una nuova generazione di italiani di vedere riconosciuti i propri diritti di cittadini. Certo la legge, così come è passata alla Camera, ha dei limiti palesemente frutto di un compromesso politico all'interno della Maggioranza, ma resta il fatto che sia un grande passo in avanti (ricordiamo che alla scorsa legislatura ci si era fermati in Commissione) che ci permetterà di rimetterci in linea con le direttive europee.

In merito a ciò, su suggerimento dell'on. Pini, vi invitiamo a fare un controllo, prima di affossare la legge, e vedere cosa accade nel resto d'Europa.

Questo risultato alla Camera resta per noi un segnale forte di civiltà: chi nasce e cresce in Italia potrà, finalmente, essere italiano.
Chi ha votato contro lo ha fatto per identità politica, è nostra speranza credere che chi si sia astenuto dal voto, pur avendo avuto negli anni passati lo “Ius soli” come punto programmatico fondamentale, lo abbia fatto per una effettiva convinzione di inadeguatezza della nuova legge e non per identità partitica, settarismo o altro.

La nuova legge passa ora all'esame del Senato.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2015 alle 15:17 sul giornale del 15 ottobre 2015 - 495 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, giovani democratici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/apb3


Cosa succede in europa?

Bene, guardiamo.

Avete parlato di europa, dunque anche i paesi non UE.

In svizzera si acquisisce la cittadinanza per matrimonio o dopo aver superato un test e una valutazione del consiglio comunale, in genere verso i 40 anni, per valutare che apporto alla società stia dando il candidato. Ecco perchè capita di vedere gente straricca che ottiene subito la cittadinanza, portano soldi.

In inghilterra la naturalizzazione avviene dopo 5 anni di residenza stabile con tanto di lavoro.

In Germania dopo 7 anni.

Quindi lo "jus soli (ovvero sola)" è un gran bel esempio di ignoranza applicata.

L'ha votata SEL, ovvero quel partito che era alleato (alle elezioni) del PD ed è andato all'opposizione una settimana dopo?

Beh, bel curriculum.

Identità politica?

Il vostro partito vota quello che ordina renzi, direi, dunque, che è l'ultimo sulla faccia della terra a parlare di settarismo.

Studiate di più e giocate meno con twitter......

GD, dove d, di sicuro, non sta per democratici.

Luigi Alberto Weiss

15 ottobre, 08:35
Questa notizia l'hanno propagata all'infinito, oserei dire alla noia, tutti i mezzi d'informazione nazionale. Quando i Giovani (?) Democratici (?) senigalliesi decideranno di occuparsi delle questioni locali per quelle che sono, anzichè menarla con la propaganda?




logoEV