La Amati sul negazionismo: 'Dopo la Camera subito il voto al Senato'

silvana amati 13/10/2015 - "A pochi giorni dalla commemorazione del rastrellamento del ghetto di Roma, avvenuto il 16 ottobre 1943, accolgo con soddisfazione l'attesa notizia dell'approvazione alla Camera del Ddl Negazionismo.

Sanzionare chi nega o minimizza crimini contro l'umanità o genocidi è un atto di concreto contrasto ad una delle forme più sottili di diffamazione razziale, xenofoba, antisemita e di incitazione all'odio. Il negazionismo è un inaccettabile abuso di diritto, che non può essere protetto dal diritto alla libertà d'espressione o di ricerca, come riconosciuto anche dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo".

Lo afferma la senatrice del Pd Silvana Amati, prima firmataria del Ddl approvato oggi alla Camera. "Il Senato riceverà ora il testo emendato, come approvato dalla Camera. Emendamenti che non incidono sulla sostanza, introdotti per armonizzare il provvedimento ad altre modifiche normative intercorse negli ultimi mesi. Il provvedimento è già stato approfondito a lungo ed è ormai sostenuto da un largo consenso, per questo - conclude Amati - auspico che il Senato giunga tempestivamente e finalmente all'approvazione definitiva".





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-10-2015 alle 18:22 sul giornale del 14 ottobre 2015 - 520 letture

In questo articolo si parla di silvana amati, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ao0F


Luigi Alberto Weiss

13 ottobre, 18:26
Negazionismo a parte, mi piacerebbe sapere come ha votato la Senatrice sulla riforma del Senato che ha espropriato del diritto di voto i cittadini, ricordandole le sue manifestazioni di qualche anno fa a difesa della Costituzione della Repubblica.
Grazie.

E perché mai dovrebbe essere la Amati a dirmi cosa devo o non devo pensare io?
E il negazionismo riguarda solo i crimini dei nazisti o anche quelli di Stalin e Polpot?




logoEV