Un senigalliese in Serbia, l'accoglienza ai profughi attraverso 'l'obbiettivo' di Enea Discepoli. Foto

03/10/2015 - SID citadina al confine serbo croato. Oggi mi sono riappacificato con i Serbi,con il luogo comune che li vede crudeli,nazionalisti e violenti,forse ricordo della guerra degli anni 90.

Dico questo dopo aver assistito oggi al tipo di accoglienza ai profughi ,un accoglienza efficiente e con un grande cuore sotto forrma di servizio navetta verso il confine croato e distribuzione di cibo e generi di conforto,non così posso affermare l’accoglienza dei Croati con il loro atteggiamento ottuso e militaresco…

Ho visto visi sorridenti e finalmente rassicurati lunghe file di uomini donne bambini che tutto sembravano che disperati (vedi foto),vicini alla tanto agognata meta. Sono contento per loro,mi sarei aspettato gente disperata,lacera e impaurita invece visi sorridenti,stanchi ma fiduciosi.

Domani mi avvicinerò al confine con l’Ungheria dove mi dicono che ci sono dei problemi e fili spinati,per oggi mi sento soddisfatto di aver cambiato il parere sui serbi e visto con i miei occhi che c’è speranza per questa gente che scappa da un paese,la Siria che amo profondamente.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-10-2015 alle 23:31 sul giornale del 05 ottobre 2015 - 1244 letture

In questo articolo si parla di attualità, fotografia, senigallia, enea discepoli, serbia, profughi, senigalliese, accoglienza e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aoOm





logoEV