Allegrezza (Pd): "Il flop di Civati e le 325 assenze della Brignone"

Elisabetta Allegrezza 01/10/2015 - Ormai è sicuro, la raccolta firme per i cinque referendum proposti da Pippo Civati è clamorosamente fallita. I quesiti riguardavano la legge elettorale, le trivellazioni in mare, le grandi opere, il Jobs Act e la Buona Scuola e se il fondatore di "Possibile" si dice rammaricato perchè gli italiani non avranno la possibilità di esprimersi sulle riforme di questo governo e attribuisce la responsabilità a chi non ha voluto partecipare, credo che sia necessaria una riflessione un po' meno semplicistica.

Civati dovrebbe chiedersi il perchè gli Italiani non hanno firmato, cosa che, da esperto politico, in realtà conosce esattamente. La verità è che la maggioranza degli italiani vuole le riforme e quanto fatto finora da questo Governo, se pur perfettibile, sta obiettivamente dando i suoi frutti, come rilevano i dati nazionali sulla crescita dell'occupazione, sulla fiducia dei cittadini, non da ultimo, sul gradimento del Partito Democratico. Certo è che l'uscita dal partito di maggioranza dimostra come, da soli, gli obiettivi non si raggiungono; forse se Civati avesse continuato le sue battaglie politiche all'interno del PD, un risultato migliore per il suo elettorato avrebbe potuto ottenerlo.

Ma, si sa, a volte "smarcarsi" dà più visibilità rispetto a chi si impegna in un lavoro di squadra. Anche i parlamentari aderenti a "Possibile", tra cui la nostra Beatrice Brignone che, subentrata all'On. Enrico Letta da pochi mesi ha già maturato ben 325 assenze, sono stati occupati al massimo nella raccolta firme, tanto da non poter partecipare ai lavori in Aula (come avrebbero dovuto per il mandato loro conferito) in importanti sedute in cui in discussione c'è il futuro dei cittadini italiani e francamente questo comportamento merita di essere stigmatizzato. Tanto lavoro profuso per alcun risultato concreto.


da Elisabetta Allegrezza
segretario Pd



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2015 alle 18:17 sul giornale del 02 ottobre 2015 - 5290 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, Elisabetta Allegrezza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aoKe


Non trovo mezze misure per commentare questo articolo:
sprezzante attegiamento, cinico e squallido metodo di tentare la demonizzazione di chi contrasta il proprio "pensiero".-
Non aggiungo "penoso" ... lo penso soltanto .. !

Commento modificato il 02 ottobre 2015

Gentile Segretario, negli anni ho sempre manifestatamente evidenziato una mia personale posizione equidistante, trovando valide argomentazioni da varie posizioni politiche, spesso difendendo posizioni ritenute indifendibili, e parlo di quelle a cui Lei si riferisce politicamente.
Lasci che le dica in tutta onestà che pur non approvando alcuni dei referendum ho comunque firmato per poter dare modo cosī di avallare (o meno) le scelte del governo.
L'occasione sarebbe stata perfetta per dare ulteriore eventuale spinta a questo esecutivo, in atto di coraggio come tanti fatti in questo anno e mezzo.
A quanto pare Lei non è di questo avviso, ne prendo atto.
Ma la prego di prendere anche atto di due considerazioni, che fanno di questa comunicazione un coacervo di scempiaggini: 1- è evidente che il referendum, minimamente pubblicizzato se non negli ultimissimi tempi, difficilmente avrebbe raggiunto il numero minimo di firme necessario. Per cui è soprattutto a questo che va attribuito il risultato; 2- è altrettanto evidente un errore l'attribuire all'On. Brignone un numero di presenze assurdo, dato che è subentrata all'On. Letta solo nelle ultime scarse settimane. Se non ècosì occorre essere più chiari.
PS: Le faccio solo osservare alla fine che il numero di firme raccolto nella sola Senigallia non è affatto scarso, la invito a prendere in considerazione questo segnale dato dalla Sua città.
Buon tutto

PPS: Ho appena letto un altro comunicato in cui si chiarisce che le 325 assenze sono effettivamente li', ma si tratta di assenze alle votazioni in Parlamento in tre giorni (quindi un centinaio circa al giorno in media) e non assenze effettive giornaliere, come questo comunicato poco chiaro lasciava intendere a chi, come me, non e' avvezzo alla politica romana.
Tre giorni di assenza, da quanto scritto, dovute alla raccolta delle firme dei referendum, non per altro.


Paul Manoni

01 ottobre, 23:17
Le riforme le fate con Verdini.
Per interessi politici avete fatto chiamare "orango" un Ministro del vostro stesso partito.
Siete ostaggio della destra più clericale su tutte le leggi che fate.
Renzi parla di abolizione IMU e ponte sullo stretto di Messina, come un condannato ai servizi sociali a Cesano Boscone qualsiasi.
Vi spartite mafiosamente Roma che siete stati costretti a commissariare.
Il risultati li state ottenendo grazie alle assunzioni del periodo turistico, e grazie al risicolo prezzo del greggio.
Fate politica per slogan su Twitter, gettando guano sulle manifestazioni dei lavoratori.
Nelle scuole che cadono ancora a pezzi, avete reintrodotto il "preside gerarca" come nel 1930.
Vi siete disegnati addosso la legge elettorale.
La metà delle vostre leggi passano per decreto, o con tagliole e canguri vari...
...Ed il suo problema Allegrezza, sarebbe l'uscita di Civati/Brignone/chicchessia dal vostro "Piddì"???
Il suo problema sarebbe il "profuso lavoro" (che lei non farà mai di sicuro) senza risultati???
Oltre 2000 firme solo a Senigallia, senza informazione da parte del servizio pubblico (democrazia 2.0 vers. Renzi) sono un risultato eccezionale ed encomiabile.
Lei lo sa benissimo e questo comunicato da isterici stizziti, carico di invidia e di rancore, ne é la dimostrazione.
Stai serena Allegrezza.

É la seconda volta che il segretario del PD locale si occupa di Possibile ed entrambe per stigmatizzare...che zelo! Nel mezzo il silenzio magari chiusi nelle stanze buie del potere in attesa che passasse quel fresco vento di partecipazione che si respirava in città negli ultimi due mesi! Da ex iscritto al PD non credo che questo concentrato di yogurt venuto male rappresenti il pensiero del Sindaco Mangialardi della Senatrice Amati o di tutti gli iscritti al PD locale! Io non ci credo....dimostratemelo

Allegrezza, non sei all'altezza del ruolo che ricopri

A senigallia si direbbe "aiutami lengua se no te taio"

Luigi Alberto Weiss

02 ottobre, 09:20
Ormai è chiaro: questa parla a comando, ripetendo a pappagallo le parole d'ordine (ricordate questa definizione? Ma allora c'era un signore in uniforme che si affacciava al balcone e, quando aveva caldo, si metteva a torso nudo a raccogliere il grano) che arrivano da Roma, senza riflettere su ciò che i suoi "compagni" combinano a Roma. Eppure basterebbe chiedere a un paio di personaggetti locali, tali Amati e Lodolini, cosa ne pensano ad esempio dell'"eccidio" della Costituzione della Repubblica in corso in questi giorni, quando pochi anni fa correvano ai piedi di Dossetti con i loro Comitati a difesa della Costituzione dagli attacchi di Berlusconi identici agli attuali.
E poi basta con questa patetica autodifesa, volendo passare per i "migliori" della sgangherata banda politica italiana e facendo degli avversari dei nemici.

gasparino

02 ottobre, 10:38
Lavoro di squadra? Chi lavora per indebolire i poteri del parlamento , l'unico organo eletto,a vantaggio di un esecutivo che dovrebbe presentarsi in Parlamento col cappello in mano, lavora da squadrista.

Commento modificato il 02 ottobre 2015

Il voto è una cosa molto grossolana "o questo o quell'altro", così è un po' illecitamente spinta nei significati politici anche la sua analisi, gli italiani in realtà non hanno capito molto come funziona la democrazia, ambiente, mafia, corruzione, ecc. Non vanno a votare, non firmano a volte più per una sorta di snobismo o pseudo-vendetta verso gli alti papaveri politici pagati a peso d'oro, però così si suicidano da soli su temi che delegano o non hanno voglia di capire: che tonti.

Egidio Cardinale

02 ottobre, 12:02
Egregia Presidentessa, rn rn dati alla mano, è evidente, checcè ne dica Renzi, che la misera ripresa in atto in Italia, non è dovuta alle sciatte "riforme" del PD, tra cui quella "urgentissima" della legge elettorale, ma al basso prezzo del petrolio saudita ed all'azione di quantitative-easingn della BCE fortemente voluto e sostenuto da Mario Draghi.

Cara Allegrezza,
agli italiani non frega più nulla della politica.

Il motivo?

Il motivo è che alle elezioni politiche del 2013, ovvero quelle dell'attuale parlamento, un partito con il 25 per cento dei voti ottenuti è entrato con il 42 per cento dei parlamentari.

Questo partito, che ironicamente si è autodefinito "democratico", ha poi fatto fuori letta per metteric Renzi, eletto da 0 italiani.

Le riforme di cui lei, da abile politica pronta a ossequiare il capo, parla, non sono state chieste a nessuno.

Voi, del PD, che siete quanto più lontanto dalla democrazia esista in italia, siete come la democrazia cristiana dei decenni passati.

Siete rozzi, ignoranti, prepotenti, avete nominato un "ministro per le riforme" dimenticando che il potere legislativo appartiene al parlamento e non al governo.

State riformando il senato, che voi avete definito "bicameralismo perfetto", dimostrando in non conoscere neanche la lingua italiana (fosse perfetto non bisognerebbe cambiarlo, si dice paritario).

Siete il nulla che va avanti a "maggioranza relativa".

Avete persino dovuto riformare la legge elettorale perchè, malgrado un partito che costa oltre 50 milioni di euro annui, non riuscite ad ottenere la maggioranza assoluta.

Soltanto grazie alla complicità della rai, che non ha mai criticato il governo, riuscite a campare.

Gli italiani non sono interessati alle riforme?

Non interessa a chi vi vota, agli statali o a quelli che campano di politica perchè "non si sputa nel piatto".

Gli altri, quelli colti, indipendenti, incorruttibili, sanno perfettamente che la costituzione italiana è bella cosi com'è, rovinata solo dai politici di professione con il sedere sempre sulla poltrona.

Lei, per sua sfortuna, non è abbastanza intelligente per capire il suo scritto servile nei confronti di renzi ma, per sua fortuna, vive in una città dove la maggioranza dei cittadini si beve le bugie del pd.

Dove sono i soldi per l'alluvione promessi da mangialardi (con cui ha vinto le elezioni)?

Auguri, complimenti per il fisico.

p.s.:
Non siete neanche capaci di avvitare delle lampadine ma fate le riforme costituzionali, che dio aiuti l'italia.

Luigi Alberto Weiss

02 ottobre, 16:17
ALLA DIREZIONE DI VS: perchè nel numeratore dei commenti agli articoli non li mettete tutti? Questo articolo, che mi pare abbia un notevole richiamo, risulta avere UN SOLO commento, mentre sono molti di più!

dalmazio francesconi

02 ottobre, 16:52
Caro dicis , sei molto pungente nel tuo scrivere,devi per un attimo solo girarti indietro a guardare la vecchia politica , ricordi le affermazioni e le promesse : Siamo usciti dalla crisi,con il Federalismo Fiscale ridaremo vita alle Regioni e rilanceremo l'economia,il ponte di Messina unira'definitivamente il Sud al resto d'italia ,creeremo un milione di posti di lavoro, renderemo piu' sicure le nostre citta',abbasseremo finalmente le tasse ecc. ecc.Io sono un uomo abituato a fare i fatti e non le chiacchiere , anzi prima faccio le cose e poi le discuto. Quindi ,se permetti,preferisco un esecutivo che fa ,anche se poco come dici tu ma non e' cosi', ci mette la faccia e si assume in toto le responsabilita'a tutti i nullafacenti che lo hanno preceduto. Ricorda che abbiamo avuto una maggioranza PDL , UDC ,LEGA e AN che poteva cambiare radicalmente il paese ma che si e'dissolta nel nulla e senza fare nulla. Quindi di che cosa stai parlando?

Ué Dalmazio

Tecnicamente, non puoi dire che stiamo meglio ora che allora.
Se consideri pure l'azione dei nostri incredibili magistrati supportati dalla nostra grande stampa indipendente, i risultati sono stati eccezionali. Non vorrai mica negare che l'invasione di viaggiatori in atto abbia migliorato la sicurezza delle nostre città........
Per non parlare poi dello stretto...... Mi sembra che negli ultimi giorni qualcuno l'abbia rispolverato. E naturalmente tutti gli indignati in servizio permanente effettivo non hanno proferito neanche un venticello......

dalmazio francesconi

03 ottobre, 18:31
Caro Freewilly, se consideri la condanna passata in giudicato a tre anni e mezzo per FRODE ALLO STATO ITALIANO inflitta al cavalliere una bazzecola , allora e' meglio finirla qui.Il condannato, per l'assurda norma dell'Immunita' Parlamentare siede ancora sugli scranni del Senato Italiano ed e' una vergogna.Per gli immigrati , e' un problema di tutta l'Europa,gli altri Stati ne hanno in percentuale piu' di noi ma riescono a gestirli meglio perche' affrontano il problema senza divisioni interne , tranne in Germania dove cerca di risorgere il Nazzismo ma i tedeschi controllano molto attentamente questo fenomeno.




logoEV