La Lega Nord sulla cultura gender: 'Non ci piace la risposta dell'assessore Bucari'

Lega Nord 22/09/2015 - Non ci è piaciuta assolutamente la risposta dell’Assessore Bucari, la quale con evidente imbarazzo e paura di contraddire l’ideologia attualmente dominante del pensiero unico e del politicamente corretto, frettolosamente ha espresso una lunga serie di luoghi comuni che non contribuiscono minimamente a diradare le giuste preoccupazioni delle famiglie. Innanzitutto l’Assessore Bucari ha ribadito che non esiste nessuna ideologia del gender.

E’ totalmente falso! La teoria del gender è l’aggiornamento vigente degli scritti filosofici, sociologici di ispirazione neomarxista della Scuola di Francoforte e successivamente dell’Istituto di Ricerche Sociali del professore Herbert Marcuse noto pederasta tedesco emigrato in California che insieme ad Adorno, Horkheimer, Pollock e Benjamin, diede inizio a quella Rivoluzione Culturale anarco-libertaria che in Italia è passata col nome di ’68. Non è un fatto comunemente conosciuto, ma negli ambienti accademici e scientifici è celebre la storia di Bruce e Brian Reimer, due gemelli monozigoti israeliti canadesi, nati nel 1965 entrambi morti suicidi e dello psicologo John Money, fanatico precursore della teoria del gender .

Nonostante l’accanimento e la ferocia del più grande fallimento di ingegneria sociale della storia umana, l’influenza pubblica delle teorie gender di quest’ultimo le ritroviamo nelle colossali menzogne diffuse dall’icona del femminismo mondiale, Simone de Beauvoir, l’amante bisessuale del famoso filosofo esistenzialista Jean-Paul Sartre (nel 1977 inviarono una petizione al parlamento francese per l'abrogazione di numerosi articoli di legge e la depenalizzazione di qualsiasi rapporto tra adulti e minori di quindici anni):  “donne non si nasce, si diventa” il quale rappresenta lo slogan che sintetizza il credo della teoria gender. Essa parte dall’ipotesi che bambini e bambine al di là del sesso biologico non siano differenti. Il processo di differenziazione sarebbe unicamente un prodotto sociale/culturale che inculcherebbe, fin dalla più tenera età, stereotipi che vedranno la bambina assumere certi comportamenti e il bambino altri. Sono i genitori e l’ambiente, quindi che impongono certi comportamenti. Ad esempio, l’istinto materno è un mito, è una costruzione culturale, l’amore materno è un ruolo creato da una cultura maschilista che per millenni ha relegato la donna a una dimensione esclusivamente domestica. Pertanto i ruoli maschili e femminili non sono determinati biologicamente, ma sono costruiti socialmente, ciascuno può scegliere il proprio genere secondo ciò che si sente di essere: gay, lesbica, bisessuale, transessuale e decine e decine di altri generi (ultimamente ne hanno contati 71).

Ormai siccome abbiamo capito per esperienza che la MENZOGNA è il pane quotidiano del politicamente corretto diciamo all’Assessore Bucari: GIU LE MANI DAI BAMBINI !!! Noi della Lega Nord abbiamo rispetto dei diversi orientamenti e gusti sessuali, ma essendo voglie e paturnie circoscritte all’ambito privato, proprio per non incorrere in nessun fraintendimento, chiediamo che nel prossimo Piano di Offerta Formativa venga cancellato qualsiasi riferimento alla “questione di genere”. Inoltre chiediamo che nello stesso piano vengano cancellati tutti quei progetti, che con il pretesto di educare all’uguaglianza o di combattere le discriminazioni, il bullismo e la violenza promuovono la teoria del gender, impongono di ignorare le differenze biologiche fra i due sessi, di equiparare ogni orientamento sessuale a ogni tipo di “famiglia”, la scelta del proprio “genere” e la sessualizzazione precoce.

Inoltre i genitori avendo una funzione superiore e invalicabile da parte delle scuole chiediamo allo stesso Assessore, di contribuire maggiormente per dare una risposta concreta alla gravissima crisi che sta attraversando il sistema scolastico italiano, che proprio a partire dal 1968, sottoposto a una serie di riforme e di sperimentazioni selvagge ne hanno sostanzialmente danneggiato profondamente il modello qualitativo ed efficiente consolidatosi negli anni, a danno soprattutto dei giovani e dei più piccoli. Infine ci rivolgiamo alla componente cattolica della maggioranza (Ramazzotti, Campanile, Sardella non avete niente da dire o avete paura di esprimere il vostro pensiero?) in modo che possiate esercitare una maggiore influenza per riproporre un modello scolastico sano e in linea con gli insegnamenti della Dottrina Sociale della Chiesa.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2015 alle 22:46 sul giornale del 23 settembre 2015 - 1403 letture

In questo articolo si parla di politica, lega nord

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aopN


Della Rodari conosco tutto e non ho alcuna necessità di controllare se non osservare e compiacermi per il livello degli insegnanti e della Scuola nel suo insieme.- Ai mie nipoti insegnano il vivere civile in una società più aperta, fatta di uomini liberi e solidali tra loro, ovvero una società più autentica, dominata dalla fantasia e dall'arte come dimensione fondamentale di ogni forma di convivenza.-
L’unico controllo che mi sentirò di fare sarà quello di tenere lontani dalla Scuola tutti coloro che diffondono idee razzistiche e neofasciste; qualsiasi riferimento alla Lega potrebbe no essere casuale !

Avete proprio ragione a combattere perchè nelle scuole non venga insegnato il rispetto per il prossimo e l'accettazione anche nelle sue diversità, Se cresciamo bambini e quindi futuri adulti rispettosi, consapevoli ed istruiti su cosa sono le varie sfaccettature del genere umano e della sessualità, dove andate a prendere elettori? La lega "campa" sulla paura e l'odio verso il diverso, quindi il vostro terrore è più che comprensibile.

Quindi 3000 e più anni di storia, di cultura familiare e sociale, tradizioni, non sono bastati a spiegare le varie sfaccettature del genere umano?
Ora bisogna per forza abituare i bimbi alla dittatura dell'LGBT altrimenti non si ha il senso del rispetto verso il prossimo?

E la lega sarebbe quella che campa sulle nuvole?

Paul Manoni

24 settembre, 13:00
@freewilly

Ieri un ragazzo è stato massacrato di botte a Ferrara, solo perché omosessuale.
Oggi è accaduta una cosa identica ad Ercole.
Gli episodi di violenza sulle donne, dallo stalking agli omicidi, nemmeno riusciamo più a contarli. In 3000 anni, fortunatamente il mondo è anche cambiato un pochino.
Se non lo avessi capito, te lo scrivo in modo più chiaro...E' la risposta alla tua prima domanda.

Non esiste nessuna dittatura LGBT, e si...Occorre fare in modo che gli "adulti del futuro", vengano abituati ad una maggiore tolleranza, rispetto, educazione all'affettività, uguaglianza, accettazione delle diversità, contro ogni forma di discriminazione, violenza e pregiudizio. Altrimenti avremo adulti molto più animali, di quanti adulti non vi siano oggi in circolazione.

Tu vuoi un mondo dove regni la pacifica convivenza di tutti, o vuoi un mondo dove regni l'odio ed il risentimento verso intere categorie di individui?

@Paul Manoni

Tutti i giorni qualcuno viene assalito, picchiato, stuprato. Anche se non omosessuale, e non riusciamo lo stesso più a contare certi episodi. E non credo che in 3000 anni ci sia accorti che il mondo è cambiato solo negli ultimi due o tre anni.
Se non lo avessi compreso, non si tratta di capire o no, che c....o di risposta è la tua?

Fortunatamente, esistono tanti modi di insegnare il rispetto per il prossimo, e non credo che l'indottrinare bambini (se non ricordo male, tu dovresti essere abbastanza contrario a certi "indottrinamenti") a considerare normali certi "stili di vita" sia la strada migliore. Almeno una volta ti insegnavano l'educazione civica, il rispetto per le istituzioni, ecc. ecc......... Ma una certa famosa rivoluzione culturale ha fatto sì che fosse tolta dalle materie di studio.

Paul Manoni

25 settembre, 13:58
@freewilly

Io penso seriamente che abbiamo il dovere di provare a fare qualcosa, per evitare che ogni giorno delle persone finiscano per essere picchiate, stuprate o discriminate, a causa del loro orientamento sessuale, del loro genere, del loro colore della pelle, o della loro religione.
Se 3000 anni fa era la norma, oggi, anche alla luce della continua evoluzione della società, penso che non deve più esserlo.
Tirare i remi in barca ed ammettere che non possiamo fare altro che assistere impotenti, dicendoci che tanto "succede tutti i giorni", non mi pare una soluzione ragionevole, e pertanto, personalmente vorrei quantomeno provare a cambiare l'andazzo. Quindi in riferimento alla mia ultima frase, ti ho invitato a decidere da che parte stare. Tutto qui.

Se esistono tanti modi per insegnare il rispetto, la tolleranza, l'uguaglianza, ed evitare discriminazioni, violenze e pregiudizi, allora perché a tuo avviso, intere categorie di persone vengono discriminate, picchiate, violentate?
Significa che questi modi di "insegnare il rispetto" sono alquanto fallaci, o che non ne esistono poi così tanti, oppure che non sono stati messi atto a dovere.

Ti confermo che sono il primo a sostenere che nelle scuole devono rimanere scevre da indottrinamento e propagande varie. Purché di questo si tratti.
Infatti, oltre a non vederlo, non penso nemmeno che possa esistere un "indottrinamento" alla tolleranza ed al rispetto, e se anche esistesse sarebbe il benvenuto. Perché a quel punto non si tratterebbe di "ideologia", ma di semplice "civismo" come giustamente sottolinei anche tu.

Se fai fatica a considerare che a scuola possano educare sul fatto che certi "stili di vita" (o più propriamente l'altrui orientamento sessuale) sono normali, ti invito a fare molta attenzione.
Perché poi, qualcun'altro potrebbe considerare anormale che si educhi i ragazzi a rispettare chi ha un colore della pelle diverso.
Alcuni potrebbero lamentarsi che al figlio venga insegnato che è normale tollerare che il proprio compagno di banco preghi un dio diverso o non preghi affatto, e insomma...Potrei fare numerosi altri esempi, ma lascio a te definire come si chiama tutto questo.

Infine, ma questo lo aggiungo a prescindere dalla doverosa risposta a te, trovo che sia roba da cialtroni, o comunque da incoerenti patentati, il fatto che ci si indigni per un indottrinamento o per una propaganda, quando questa va contro i nostri privati interessi ideologici, politici ed economici, e vigliaccamente si taccia di fronte ad altre forme di indottrinamento e propaganda.
Mi spiego....Abbiamo già avuto modo di constatare come alcuni siano soliti latrare contro Professori attivisti di centri sociali o politicamente orientati. Abbiamo già visto come ci si inalbera contro quella che falsamente viene definita "ideologia gender" o i finanziamenti che ricevono i programmi scolastici sull'educazione a tolleranza, rispetto, pari opportunità, ecc, ecc.

Per coerenza, mi aspetterei che queste persone siano altrettanto schifite da una scuola addobbata con 700 simboli di partito per volere del Sindaco di quello stesso partito, o per un finanziamento alla loro "Libera Scuola dei Popoli Padani", ok?
Perché invece berciano solo contro una persona già giudicata dallo Stato all'altezza di fare il professore, per paura che faccia propaganda, e non berciano mai contro associazioni antiabortiste, a statuto confessionale, finanziate dalla CEI, che nelle stesse scuole pubbliche (quindi laiche) organizzano concorsi a premi rivolti a tutti gli studenti (anche chi evidentemente religioso non è), per la migliore analisi di citazioni di preti?
Vedi qui: http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=540413

Silenzio ad orologeria, polemiche solo quando fa comodo, difesa dalla libertà di educazione e di pensiero in mano ad idioti, e cialtroni incoerenti a tonnellate, appunto.

boh!
La lega ha fatto un volantinaggio secondo quello la stessa reputa non consono alla propria visione politica.
Mi pare un normale tentativo di portare alla cittadinanza un aspetto di riflessione sull'educazione dei figli.
Se non si è d'accordo, ci si rifiuta di ritirare il volantino o al limite lo si getta dopo averlo letto.
Punto!
C'è un tema e su quello va espressa la propria opinione.
Credo che ancora (per poco) ognuno abbia le sue opinioni e nessuno è autorizzato a dargli del "troglodita" se non coincidono con le proprie.
La lega mica ha detto che le tue opinioni (che elargisci appena senti odore di preti) tu non debba esprimerle. Ha solo portato all'attenzione una propria convinzione.
Se poi, come succede sovente nel nostro paese, a segnalazione si deve sempre opporre un "ma anche", il discorso è chiuso.
Si può scrivere un trattato, ma un professore attivista di centri sociali ripetutamente coinvolti in occupazioni e manifestazioni illegali, che prova ad impedire ad un movimento elettorale di svolgere una funzione tutelata costituzionalmente (sì, fare comizi e campagna elettorale è tutelato) non dovrebbe insegnare in una scuola pubblica. Ma lo fa!! E anche a me tocca accettarlo.
Ora dimmi tu come posso educare mio figlio sul fatto che certi comportamenti vanno evitati e magari a scuola si ritrova quella persona come professore?

Paul Manoni

26 settembre, 13:49
@freewilly

La Lega ha fatto un volantinaggio secondo quello che la Lega reputa non consono alla propria visione politica. Dunque se paradossalmente non volessi che ai miei figli venisse insegnato che le persone di colore non sono persone ma orango, potrei andarmene in giro a distribuire volantini secondo questa prospettiva?

Il normale tentativo di "portare alla cittadinanza un aspetto di riflessione sull'educazione dei figli", poteva benissimo essere fatto mostrando a quei genitori la circolare del Miur che spiega benissimo cosa e non, viene insegnato ai ragazzi secondo i programmi scolastici. Invece hanno distribuito un volantino che spargeva guano su un non meglio precisato e fantasioso "indottrinamento alla cultura gender". Quindi per millantare chissà quale insegnamento, e terrorizzare a livello psicologico famiglie e genitori. Qualcuno di loro era evidentemente preparato a certa propaganda di basso livello, e ha ritenuto più che opportuno denunciare quel tipo di terrorismo.

Le opinioni sono opinioni, ed ognuno è libero di esprimerle come meglio crede. I fatti sono un'altra cosa. Se te la canti e te la suoni scambiando i fatti con le opinioni, magari non sei un troglodita, ma sicuramente potresti essere definito ciarlatano (o truffatore culturale) non a torto.

La Lega imbullona crocifissi nelle scuole, per paura che qualcuno ne contesti la presenza, o fa passeggiare suini in terreni destinati alla costruzione di moschee, tanto per farti capire il loro livello di pochezza, e la misura di come sanno accogliere le opinioni (o i diritti) degli altri.

Convinzione e opinione sono termini alquanto simili. Liberi tutti di esprimerle ma hanno una validità diversa dalla verità dimostrata.

Ti sei assicurato che quel Professore faccia o abbia fatto propaganda politica a tuo figlio? Ti sei accertato che insegni a tuo figlio ad occupare o manifestare illegalmente (qualsiasi cosa questo possa significare)?
Perché a me risulta che quella polemica sia divampata quando quel Professore aveva ricevuto l'incarico, ed ancora prima che si sedesse in aula coi ragazzi. Quindi direi di derubricare il fatto in se, come ad una polemica piuttosto sterile, avviata più per interessi di propaganda politica, che per un reale problema di indottrinamento politico dei ragazzi, da parte di quel professore. Insomma...De che stamo a parlà???

Il discorso che facevo io comunque era un altro e non riguardava il fatto specifico del professore in questione. Parlavo di più vicende diverse messe a confronto, che dimostrano come in fatto di "propaganda nelle scuole pubbliche" ci siano sempre due pesi e due misure diverse, e come il mondo sia pieno di cialtroni che le vedono solo quando fa loro comodo.

Dopotutto, 700 simboli leghisti voluti da un sindaco leghista come "decorazioni" della scuola di Adro, non sono propaganda?
Se ci si lamenta di un finanziamento di 8400€ della Regione Marche per dei programmi scolastici in linea con il POF del Miur, definendoli falsamente "cultura gender", perché non ci si lamenta del finanziamento di 800.000€ del Governo in carica nel 2010 (con Umberto Bossi Ministro), alla "Libera Scuola dei Popoli Padani", voluta e gestita dalla moglie di Bossi?

Non pare anche a te che certi silenzi o a seconda dei casi, certe sterili polemiche, rappresentino perfettamente il modus operandi del cialtrone politico italiano medio, che per i propri interessi ideologici, partitocratici ed economici, spinge o frena sulle proprie o altrui propagande? A me si, e non sono l'unico a quanto pare.

Vuoi educare tuo figlio nel modo corretto?
Documentati, e documentati bene.
Ascolta tutte le voci, prima di farti spaventare dalle bufale interessate 2.0, che solo degli idioti possono arrivare a costruire a tavolino ed inoltrare via FEISBUC o via UATSAPP. Semmai chiediti sempre "Cui prodest?" e vedrai che gratta gratta, lo scoprirai con sorpresa.
Semmai insegnagli ad accettare tutti i tipi di differenze, anziché a vedere una sorta di nemico in ogni individuo che ha il colore della pelle diverso dal suo, una diversa religione, un diverso orientamento sessuale, ecc, ecc.




logoEV