Paradisi a Perini: "Il maggiordomo è pronto a prendere servizio e tradire gli elettori"

Roberto Paradisi 16/09/2015 - Maurizio Perini ha scoperto le sue carte truccate. Carte che, per chi conosceva il personaggio, erano già note fin dal giorno della discesa in campo prima delle elezioni.

Una candidatura voluta e politicamente sponsorizzata da Mangialardi che mirava a rompere lo schieramento avversario e trovarsi un fronte opposto con quinta colonna incorporata. Il buon Mangialardi attribuì questo incarico al giovane scout politico Maurizio Perini, già dimostratosi nella scorsa legislatura un perfetto maggiordomo della maggioranza. “Signorsì”, rispose il Perini, particolarmente suggestionato dai detentori di ogni piccolo potere. Gli elettori ricorderanno la campagna elettorale di Perini, già uomo di Forza Italia, poi del Popolo della Libertà, poi del gruppo misto, poi dell’Udc, poi di lista “Progetto Comune” (sedicente avversaria di Mangialardi), ora di maggioranza. Mai una parola di critica nei confronti della precedente amministrazione.

Solo attacchi scomposti, con l’aria un po’ insolente del professorino che tutto sembra sapere ma nulla ha mai da dire, verso la vera opposizione. Un percorso senza dubbio “coerente” con il personaggio che di coerenza ha avuto sempre e solo il cambio bandiera ad ogni stormir di fronda. “Ha fatto proposte sulla protezione civile che noi abbiamo accolto” ha tuonato il suo tutor politico Mangialardi (che nemmeno si è accorto degli errori di sintassi che straripavano nella sua relazione programmatica). La foglia di fico del “tradimento” dei propri elettori si chiama dunque “Protezione civile” che, da oggi, si gioverà delle geniali e irresistibili proposte del’ex candidato a sindaco Maurizio Perini. Per il quale è pronto lo sgabello (parlare di “poltrona” è eccessivo) di consigliere delegato per la Protezione Civile (come ci ha riferito un consigliere di maggioranza piuttosto alterato).

Sono i “trenta denari” stabiliti per il passaggio ufficiale (Perini ha sempre votato nei primi consigli comunali con la maggioranza) nelle truppe cammellate del sindaco. Resta l’amarezza per quei ragazzi che gli hanno permesso di essere eletto e mettersi al servizio del sindaco e per quegli elettori (pochi per fortuna) che in lui avevano creduto e che avevano sperato nella sincerità dei suoi finti propositi e dei suoi ipocriti proclami. Inutile, ma doveroso, ricordare che qualcuno lo aveva già detto.


da Roberto Paradisi
Consigliere Comunale Unione Civica




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-09-2015 alle 13:44 sul giornale del 17 settembre 2015 - 1581 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, politica, Unione Civica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aobb


Mi sento di suggerire a Maurizio Perini di rispondere a questo comunicato dell'Avv. Paradisi, e chiarire di nuovo la sua posizione con oggettive valutazioni.
Anche perche' un silenzio oppure una risposta anche solo all'apparenza incompleta non fara' altro che dare la stura alle ennesime settimane di chiacchiere in un momento in cui alla citta' servono azioni.

N.H.m.u.

16 settembre, 19:28
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ma non c'è un articolo che riporti le decisioni e le dichiarazioni di Perini?
Perché io ero rimasto alla sua dichiarazione post-elettorale:
http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=543065

Mi sono perso qualche passaggio?

va bene, rimane comunque un "pupazzo" . oltretutto...manco a dire che mangialardi avrebbe bisogno di lui per la maggioranza.

Bravo Perini, simbolo della vecchia politica italia..

"Il maggiordomo è pronto a prendere servizio e tradire gli elettori" Signor Paradisi, ma lei pensa veramente che i cittadini le diano credito leggendo solo frasi fatte e luoghi comuni con una spruzzatina di retorica?

@ Brenno
Grazie del link, in effetti il successivo percorso di Perini mi pare coerente con quanto aveva detto in quell'articolo.

Che grande il Sindaco, con una fava ha preso due piccioni. Con l’eventuale nomina del Perini azzittirebbe una voce dell’opposizione (si fa per dire) che da sempre è bramosa di un posto al sole e nello stesso tempo si coprirebbe le spalle in caso di gravi imprevisti in materia di protezione. Tutto ciò a conferma di quel senso di smodata superiorità che si esplicita in ogni suo provvedimento e che lo spinge, come a già fatto, con manifesta sfrontatezza, di concedersi il lusso, Lui della maggioranza, di scegliersi anche i suoi oppositori.