Aula troppo stretta per la 3° B della scuola 'Aldo Moro': Mangialardi, 'Trovata la soluzione che non penalizza nessuno

scuola aldo moro 15/09/2015 - Soluzione in arrivo per i bambini della 3^ B della scuola “Aldo Moro” di via Cupetta. Dopo i problemi sorti il primo giorno di scuola, il sindaco Maurizio Mangialardi si è immediatamente attivato con la dirigente scolastica e i genitori per risolvere il disguido che ha costretto i giovani alunni a iniziare il nuovo anno scolastico in aula oggettivamente troppo stretta.

A seguito degli incontri svoltisi ieri, il sindaco ha delegato l’assessore alla Pubblica istruzione Simonetta Bucari all’incontro di martedì mattina, a cui hanno preso parte la dirigente Rita Bigelli e la coordinatrice della scuola d’infanzia “Il Giardino del Sole”, per formalizzare l’accordo raggiunto.

Dai primi giorni della prossima settimana, gli alunni della 3^ B saranno ricollocati nell’aula adibita alle classi della primaria dove erano al momento collocati i piccoli della scuola dell’infanzia “Il Giardino del Sole”. Questi ultimi saranno a loro volta trasferiti in un nuovo adeguato spazio allestito dal Comune, sempre all’interno del plesso.

“Abbiamo trovato una soluzione che non penalizza nessuno – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi - e pienamente rispondente sia alle esigenze didattiche, sia alla sicurezza e al comfort di insegnanti e alunni. Ringrazio in particolare i genitori che, nonostante il disagio patito dai loro figli, hanno dato prova di grande disponibilità e collaborazione, permettendo di raggiungere insieme e in poco tempo un risultato soddisfacente per tutti”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-09-2015 alle 16:04 sul giornale del 16 settembre 2015 - 1678 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, politica, senigallia, scuola aldo moro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/an9u





logoEV