Sabato alla Rotonda sul Mare una barriera umana contro le trivelle in Adriatico

Comitato TrivelleZero Senigallia 02/09/2015 - Il tempo stringe. Contro le trivelle in Adriatico e contro il progetto Sibilla sono, per fortuna, sempre di più le voci che si stanno alzando. Ma non basta.

Mentre c’è chi, come la senatrice Fabbri, prova a rassicurare dicendo che per 5 anni non succederà niente, i procedimenti vanno avanti, sia quelli che riguardano l’Adriatico, sia quelli che riguardano la terraferma, e le piattaforme stanno già navigando alla volta del nostro mare.

Occorre mobilitarsi uniti, in tutti i modi democratici possibili, occorre che le comunità locali e i cittadini tutti facciano sentire la loro voce.

Per questo sabato 5 settembre organizziamo, dalle ore 11, una grande manifestazione attorno al simbolo della nostra città: la Rotonda sul Mare. Occuperemo simbolicamente la Rotonda via mare e via terra per fare barriera contro le trivelle. Tutti insieme, cittadini, associazioni, formazioni politiche e categorie economiche. Pescatori, bagnini, albergatori, commercianti, agricoltori, sportivi, bagnanti, turisti, perché tutti abbiamo molto da perdere da questa politica miope e scellerata di saccheggio del territorio e del mare a favore di pochi.

Per qualche barile di petrolio e un po’ di gas, perché che ce n’è poco si sa già, si mette a rischio tutta l’economia di una comunità.
Non possiamo permettercelo. Non dobbiamo permetterglielo.
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-09-2015 alle 13:27 sul giornale del 03 settembre 2015 - 1377 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, Trivelle Zero Marche, Comitato TrivelleZero Senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/anH4