M5S sugli immigrati: l'assessore Bomprezzi faccia chiarezza sulla situazione attuale

immigrati 02/09/2015 - Il Movimento 5 Stelle ha presentato una interrogazione per fare chiarezza e conoscere con precisione la situazione sulla presenza in città degli extra comunitari.

ll M5S è, da sempre, contrario ad ogni forma di razzismo; tuttavia, il proliferare nelle periferie delle grandi e medie città di fenomeni di protesta contro il modo di gestire l’emergenza immigrazione, e dopo varie segnalazioni da parte dei cittadini, ho depositato, in data 25.08.2015, un’interrogazione a risposta scritta con la quale si chiede a Chantal Bomprezzi, assessore alla trasparenza, - partendo da strumenti di analisi e monitoraggio - qual è l'esatto numero di migranti presenti ed attesi nel Comune di Senigallia (in relazione alla determina dirigenziale n. 711 del 17/07/2014 inerente il triennio 2014 – 2016), le loro etnie, le strutture e località dove sono e saranno dislocati ed i criteri logistici e sociali di selezione di queste destinazioni, chi sono i soggetti proprietari di alloggi/strutture inseriti nella convenzione, quali sono i costi dell’accoglienza dei profughi - disaggregando il dato tra spese interamente a carico del Comune e spese rimborsate con somme provenienti da fondi ministeriali - precisando altresì se tali spese sono e rimarranno invariate, oppure subiranno modifiche.

Inoltre, in considerazione di quanto visibile sul sito internet della Fondazione Caritas Senigallia, soggetto pubblico con il quale il Comune ha messo in atto una procedura di collaborazione attraverso il “Progetto SPRAR Senigallia”, si chiede se, per effetto dei contributi pubblici, vi è stata l’assunzione di nuovi dipendenti e, in caso affermativo, con quali modalità; si chiede, infine, se ci sono altre intese e/o convenzioni intercorse tra Comune ed altri soggetti pubblici. Il Movimento 5 Stelle Senigallia chiede al Comune se è a conoscenza della situazione segnalata da alcuni cittadini relativa alla presenza di immigrati nei pressi di un casolare di colore rosso ubicato vicino al cimitero delle Grazie, nonché di fugare ogni dubbio circa l’edificazione nell’area ex Agostinelli di Marzocca di appartamenti per i profughi (articolo di stampa del 19/08/2015). Se questa accoglienza dovrà essere sostenuta, il M5S chiede fin d’ora quali garanzie verranno offerte affinché non siano violati i principi di equità e giustizia sociale, visto che anche nel nostro territorio intere fette delle popolazione colpite dalla crisi, uomini e donne, padri e madri di famiglia, necessitano di assistenza e sostegno da parte della rete pubblica sociale.

Allo stesso tempo il M5S chiede al Sindaco Maurizio Mangialardi, e all’assessore Chantal Bomprezzi, la massima trasparenza sui soggetti che saranno chiamati a gestire l’accoglienza. E’ necessario scongiurare, con tutti i mezzi, situazioni simili alle vicende di Roma e di altre città in cui la mala gestione e l’approfittarsi dell’emergenza immigrazione ha portato a forti proteste di cittadini esasperati. Terremo alta l’attenzione in merito affinché siano garantiti pari dignità e pari diritti per tutti. Questo è il significato della nostra azione con cui vogliamo venire a conoscenza, e mettere a conoscenza i cittadini, di come il Comune di Senigallia si sta muovendo.


da Riccardo Mandolini
Consigliere Comunale MoVimento 5 Stelle




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-09-2015 alle 09:35 sul giornale del 03 settembre 2015 - 966 letture

In questo articolo si parla di immigrati, politica, riccardo mandolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/anHw


dalmazio francesconi

02 settembre, 16:18
Per verificare la quantita' di migranti presenti a Senigallia ,basterebbe visionare i contratti di affitto.Se questi fossero registrati on line ci vorrebbe veramente poco e poi andrebbe controllato sul posto il numero di occupanti dichiarato e se l'idoneeta' degli alloggi affittati e' conforme alle norme vigenti,le leggi ci sono basta applicarle non interpretarle.

gasparino

03 settembre, 09:08
Commento sconsigliato, leggilo comunque