Serra de' Conti: grande successo per la nona edizione della Nottenera

nottenera 23/08/2015 - L’ invito a guardare per una notte intera le stelle cadenti nella volta celeste e, in terra, i variegati percorsi dell’arte e della bellezza, è stato raccolto ieri sera da circa 5000 persone.

Un pubblico eterogeneo, composto anche da molte famiglie e bambini ma anche da tanti turisti dei festival nazionali dedicarti al Teatro, che sono appositamente giunti a Serra de’ Conti da varie regioni d’Italia, per partecipare alla grande kermesse che ogni anno si svolge dal tramonto all’alba. L’evento, curato dal Comune di Serra de’ Conti e da Associazione “Nottenera”, patrocinato dal Consiglio Regionale Assemblea Legislativa delle Marche ed inserito nel Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche “La Valle della creatività”, ha proposto oltre 30 spettacoli, concerti, docu-film e cortometraggi animati, installazioni site-specific e performance interattive, per una ricognizione a tutto campo del tema dell’edizione 2015, quello dei luoghi.

Luoghi pubblici e privati hanno accolto gli appuntamenti del Festival, abitati per una volta dagli artisti e dal pubblico che in molti casi è stato inviato a prendere parte agli eventi, come nel caso della costruzione di un grande uovo di rami e foglie (l’opera collettiva di Andrea Silicati) e della scrittura di testi e parole in liberà sulle vecchie macchine Olivetti posate in strada dalla performer Elena Bellantoni. Nella sezione arti visive, particolarmente apprezzati sono stati gli uomini pesce di Nicola Alessandrini, le sculture di carta di Matteo Ufocinque Capobianco, il murales inno alla lentezza di HOPPN, il concerto di gocce e inchiostro di CR HO MO, i paesaggi urbani di Caterina Giuliani, le piccole poesie incollate ai muri di Gio Evan, il video di Viola Mancini e i racconti dei ragazzi dell’Associazione T. Vittori.

Le undici proposte di arti sceniche hanno visto il monologo di VicoQuartoMazzini con un Amleto ai tempi dei social-network, in prima regionale, ed inoltre la liturgia dissacrante dei Quotidiana.com, il racconto di una generazione cresciuta a pane e ufo-robot a cura di Timpano/Frosini, la coreografia post-comunista dell’albanese Glen Caci, la contagiosa energia de Icircondati, la danza di Xavier Cura e Moss Beyon Juckes, il racconto di una donna partigiana a cura di Mi La Dance, il nuovo circo dei Cicoplà-Interno 6, le fiabe del Teatro Distracci e de Gli Omini, il teatro-concerto con parata di apecar a cura di Marlon Banda.

La musica è stata protagonista dell’apertura del Festival, con i Carmina Burana al tramonto a cura del Coro F. Tommasini, e della seconda parte del Festival, con Lucio Corsi, Alessio Ballerini, Stefano Maria Crocelli, Olocin. Molto apprezzati i due docu-film “Space Metropoliz” e “Inventata da un dio distratto. Maria Lai” e i cortometraggi d’autore a cura di Andrea Martignoni. Da segnalare, l’apertura straordinaria del Museo delle Arti Monastiche, i laboratori e le letture per bambini, il laboratorio tessile per la stampa del gadget Nottenera. Tantissimi i volontari dello staff, ragazzi uomini e donne di Serra De' Conti e non solo che hanno prestato con generosità la loro opera contribuendo in maniera determinante alla buona riuscita della manifestazione.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-08-2015 alle 16:54 sul giornale del 24 agosto 2015 - 712 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, serra de' conti, nottenera

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ano6


Francamente siamo rimasti delusi dall'organizzazione dell'evento;location troppo piccole,poche indicazioni sugli spettacoli e sui luoghi ove si svolgevano,sopratutto si trova molto di meglio senza spendere sei euro di ingresso;costo eccessivo rispetto all'offerta che si proponeva.C'è molto di meglio.




logoEV