Montemarciano: 37enne marocchino residente a Ostra devasta un appartamento e minaccia due donne, denunciato

carabinieri a montemarciano 21/08/2015 - I carabinieri della Compagnia di Senigallia, intervenuti a Montemarciano, hanno denunciato in stato di libertà un 37enne originario del Marocco e residente a Ostra per i reati di violenza privata, minaccia, danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Attorno alle 21:30 di giovedì il 37enne ha accompagnato la propria convivente, una brasiliana di 43 anni residente da tanti anni in Italia, a casa di due sue amiche connazionali (zia e nipote) rispettivamente di 46 e 34 anni residenti a Montemarciano.

Giunti nell’abitazione di via Mare Adriatico n.9 per trascorrere una serata insieme, hanno iniziato a bere birra e ballare. Ad un certo punto, però, l’uomo è stato accusato dalla propria compagna di aver assunto atteggiamenti ambigui con l’amica 34enne e per questo è stato colpito dalla donna con un buffetto sul collo.

Il marocchino, in stato di ebbrezza alcolica ed indispettito dall’atteggiamento della sua compagna, è andato su tutte le furie: prima ha risposto all’offesa ricevuta malmenando la sua compagna, poi ha iniziato a rompere le bottiglie vuote scagliandole contro i muri e sul tavolo, gettando all’aria mobili e suppellettili. Non solo. Il 37enne residente ad Ostra ha anche offeso zia e nipote, intervenute per difendere la propria amica, con epiteti volgari, minacciandole inoltre di morte.

Pertanto, impaurite, le due proprietarie dell’abitazione di Montemarciano, hanno afferrato una mazza da baseball e colpito l’uomo sulla testa. Dopo un attimo di stordimento il marocchino, in preda ad un forte stato di agitazione psicofisica, si è denudato ed ha ripreso a danneggiare mobili e suppellettili presenti in casa ed ha iniziato a lanciare oggetti di ogni tipo dal balcone.

All’arrivo della pattuglia del Nucleo Radiomobile dei carabinieri di Senigallia e della stazione di Montemarciano, intervenuti su richiesta delle due brasiliane, il 37enne si è barricato in casa chiudendo la porta con più mandate costringendo i militari a salire sul balcone dell’appartamento al primo piano della stessa palazzina ed a forzare la porta finestra.

Una volta all’interno dell’appartamento i carabinieri sono riusciti a bloccare, con le manette, l’uomo in stato di agitazione. Coperto con un lenzuolo, dato che era completamente nudo, è stato infine affidato ai sanitari dell’ambulanza che lo hanno accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale di Senigallia. I medici, che gli hanno riscontrato un “trauma cranico con ferita lacerocontusa alla testa in abuso etilico”, lo hanno dimesso alle 5 di venerdì mattina con una prognosi di 7 giorni. Espletate quindi le formalità di rito, il marocchino è stato denunciato per i reati di violenza privata, minaccia, danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale e rilasciato.





Questo è un articolo pubblicato il 21-08-2015 alle 16:20 sul giornale del 22 agosto 2015 - 2907 letture

In questo articolo si parla di cronaca, montemarciano, carabinieri, ostra, minaccia, Sudani Alice Scarpini, danneggiamento, violenza privata, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/anmb