Agente della Municipale aggredito da un noto gestore di locali, denunciato l'aggressore

polizia municipale 18/08/2015 - Un agente della Municipale preso a schiaffi da un noto gestore di locali perchè gli aveva intimato di postare il furgone dal divieto di sosta.

L'episodio si è verificato sul lungomare Alighieri, all'incrocio con via Imperia. L'agente, uno stagionale in forza alla Municipale, aveva sollecitato l'imprenditore, 47 anni, L.A., a spostare il mezzo altrimento lo avrebbe sanzionato. L'imprenditore ha dato in escandescenza e dopo avere inveito contro l'agente l'ha preso a schiaffi tanto da farlo sanguinare e provocandogli un sibilo all'orecchio.

L'agente è stato quindi soccorso e accompagnato in ospedale. Se la caverà con una prognosi di 5 giorni. L'imprenditore è stato invece denunciato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale.





Questo è un articolo pubblicato il 18-08-2015 alle 08:42 sul giornale del 19 agosto 2015 - 6782 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia municipale, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/angn


Luigi Alberto Weiss

18 agosto, 10:55
Ma quanta cortesia da parte dell'informazione verso questo "signor" L.A., tanto da non rivelarne per esteso il nome e cognome! Un po' di senso civico, un po' di schiena dritta, un po' di consapevolezza maggiore sul ruolo di chi fa informazione non guasta mai. Insomma: meno ipocrisia. Altrimenti una notizia del genere non ha senso pubblicarla.

Si dovrebbe pur sapere questo nome e cognome, non c'è proprio alcun motivo per nasconderlo, che avete paura che poi vi viene a menare?

gasparino

19 agosto, 09:31
Si chiama privacy. Serve soprattutto a difendere chi delinque, naturalmente in particolare in questo paese. Pensate alla lista Falciani: negli altri paesi agli evasori hanno tolto la pelle; in Italia non gli hanno fatto nulla perché si sarebbe violata la loro privacy.

Francesconi Dalmazio

19 agosto, 19:16
Se vogliamo evitare di imbatterci in questi "galantuomini"dobbiamo pur conoscerli o no? e' un sacrosanto diritto di un cittadino tranquillo.